1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu fondo pagina di navigazione
Contenuto della Pagina
condividi

Definizioni

Impianto termico

Secondo quanto indicato dal D.lgs. 192/2005, per "impianto termico" si intende un impianto tecnologico destinato ai servizi di climatizzazione invernale o estiva degli ambienti, con o senza produzione di acqua calda sanitaria, indipendentemente dal vettore energetico utilizzato (gas ad es.), comprendente eventuali sistemi di produzione, distribuzione e utilizzazione del calore nonché gli organi di regolarizzazione e controllo.
Non sono considerati impianti termici apparecchi quali: stufe, caminetti, apparecchi di riscaldamento localizzato ad energia radiante; tali apparecchi, se fissi, sono tuttavia assimilati agli impianti termici quando la somma delle potenze nominali del focolare degli apparecchi al servizio della singola unità immobiliare è maggiore o uguale a 5 kW. Non sono considerati impianti termici i sistemi dedicati esclusivamente alla produzione di acqua calda sanitaria al servizio di singole unità immobiliari ad uso residenziale ed assimilate.

 

Responsabile dell'impianto

Il responsabile dell'impianto, al quale sono affidati l'esercizio, la conduzione, il controllo, la manutenzione dell'impianto termico e il rispetto delle disposizioni di legge in materia di efficienza energetica, è individuato in base alla tipologia dell'impianto ed è:
a) il proprietario o l'utilizzatore dell'unità abitativa al cui servizio è istallato l'impianto, in caso di abitazioni dotate di impianto termico autonomo;
b) l'amministratore di condominio nel caso di impianto termici centralizzati al servizio di un edificio condominiale;
c) il terzo responsabile, in caso di delega dei soggetti di cui ai punti a e b nei casi di cui all'art. 6 del D.P.R. 74/2013.
Per ulteriori dettagli si rimanda all'art. 7 della L.R. 39/2018.
Il responsabile dell’impianto si avvale di un tecnico, il manutentore che, in possesso dei requisiti previsti dalla normativa vigente, è incaricato di eseguire le operazioni di manutenzione e controllo degli impianti termici e ad effettuare i controlli di efficienza energetica, con le modalità, le prescrizioni e la tempistica previste dalla norma


 

Libretto di impianto

Il modello del libretto di impianto è stato approvato con D.M. 10 febbraio 2014 (Allegato I).
è la "carta di identità" dell'impianto e contiene, fra l’altro, tutti i dati relativi alle caratteristiche dell’impianto, al responsabile, ai controlli periodici.
Il responsabile dell'impianto è tenuto a controllare che il libretto sia compilato ed aggiornato dalle ditte di istallazione/manutenzione. Il libretto deve essere conservato presso l'edificio o l'unità immobiliare in cui è collocato l'impianto.

 

Rapporto di controllo di efficienza energetica

È il rapporto che il tecnico compila al termine delle operazioni di controllo dell’impianto termico. Il “Rapporto di controllo di efficienza energetica” varia in relazione alla tipologia di impianto. I modelli dei diversi rapporti sono stati approvati con D.M. 10 febbraio 2014 (Allegati II, III, IV e V).

 

Riferimenti normativi

Valuta questo sito: RISPONDI AL QUESTIONARIO