1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu fondo pagina di navigazione
Contenuto della Pagina
condividi

IL PARCO DELLE COLLINE DI NAPOLI

logo del parco delle colline di napoli

L'esposizione, allestita per "Parchinmostra", rassegna sui parchi d'interesse regionale, Napoli, Mostra d'Oltremare, marzo 2004, promossa da:

Regione Campania-Assessorati all'ambiente e all'urbanistica, settore politica del territorio, servizio aree protette metropolitane-agricoltura urbana, e da Comune di Napoli, Assessorato all'urbanistica, dipartimento urbanistica-progetto pianificazione urbanistica esecutiva.


A cura della Casa della Città

L'esposizione è completata da un documentario video, realizzato per l'occasione.

 

Il Parco regionale metropolitano delle Colline di Napoli si estende per 2.215 ettari, circa un quinto del territorio comunale, nella parte nord-occidentale della città, al centro dell'area metropolitana. Il parco inizia dalle pendici dei Camaldoli, che delimitano a nord le conche dei Pisani e di Pianura, comprende la collina dei Camaldoli, la selva e le masserie di Chiaiano, il vallone san Rocco, lo Scudillo, la collina di San martino. Fuori del perimetro ma in stretta contiguità con esso stanno: a ovest, la frazione napoletana del parco regionale dei Campi flegrei (Posillipo, Agnano e Pianura), a est, il bosco di Capodimonte.

Il parco preserva aree collinari lasciate libere dall'espansione urbana degli anni '60 e '70, come l'ampio vallone Sant'Antonio, "sorvolato" dai viadotti della tangenziale, che s'incunea fra le vie Cilea, Epomeo e Pigna; oppure, come lo Scudillo, fra i nuovi insediamenti dei Colli Aminei e i tessuti storici di Avvocata e della Sanità; si proietta nel centro storico con i terrazzamenti di San Martino. Per la vicinanza ai quartieri moderni e storici, si apre alla città con numerose porte d'ingresso, in prossimità con le stazioni della metropolitana e i caselli della tangenziale. L'Eremo dei Camaldoli e la Certosa di San Martino, due siti emblematici dell'immagine della città e della sua identità storico-religiosa, si offrono, in senso sia geografico che culturale, quali riferimenti fondamentali del Parco delle Colline di Napoli.
E' un parco aperto a usi diversi, pubblici e privati, infatti al suo interno devono poter convivere: zone di riserva integrale, aree agricole, insediamenti abitati, strutture agrituristiche, spazi di verde pubblico e attrezzati.

 

pannelli



avvertenza
Per visualizzare e stampare le singole tavole è necessario utilizzare Acrobat Reader. Attenzione, il tempo di visualizzazione dei files dipende dal loro peso, indicato a fianco di ciascuno, in Kb, e dai vari fattori che influenzano la connessione.


Valuta questo sito: RISPONDI AL QUESTIONARIO