1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu fondo pagina di navigazione
Contenuto della Pagina
condividi

Commissioni Refezione Scolastica


Al fine di contribuire al monitoraggio ed alla verifica dell'andamento del servizio di refezione scolastica, con la Deliberazione di Consiglio Comunale n.30 del 16/7/15, è stata prevista l'istituzione di Commissioni Refezione a livello centrale, municipale e di istituto nonché nelle scuole dell'infanzia comunali.
La partecipazione alle Commissioni è a titolo gratuito.

 

Commissione Refezione Scolastica Centrale

 

La Commissione Refezione Centrale contribuisce al monitoraggio del servizio di refezione scolastica e promuove iniziative tese al miglioramento del servizio nel suo complesso.  In particolare: 
- contribuisce al monitoraggio della qualità ed alla verifica sull'andamento del servizio di refezione scolastica;   
- promuove iniziative volte alla pubblicizzazione ed all'informazione all'utenza sulle modalità di espletamento del servizio e dell'attività di monitoraggio e controllo;
- recepisce le istanze e le segnalazioni di criticità provenienti dalle Commissioni Refezione Municipali e/o d'Istituto o direttamente dagli utenti;
- valuta le proposte di miglioramento del servizio presentate dalle Commissioni Refezione Municipali e/o d'Istituto;
- formula le proposte di interventi correttivi al Servizio Centrale competente.

Inoltre può
partecipare ogni qualvolta lo ritenga necessario alle riunioni delle Commissioni Refezione Municipali e, nel caso di segnalazioni di criticità, può effettuare, previo accordo con il Dirigente Scolastico, visite presso i punti di consumazione, secondo le modalità previste per la Commissione Refezione d'Istituto.

Essa è composta dal Sindaco o suo delegato, dal Presidente della Commissione consiliare scuola, dal dirigente del competente Servizio centrale e da 2 rappresentanti dell'ASLNapoli 1 Centro. 


Commissione Refezione Scolastica Municipale

La Commissione Refezione Municipale ha funzioni di collegamento tra l'utenza e l'Ente al fine di contribuire al monitoraggio, alla valutazione ed al controllo sull'erogazione del servizio di refezione scolastica. In particolare:
- contribuisce alla valutazione della qualità ed al monitoraggio dell'andamento del servizio di refezione scolastica a livello municipale, anche mediante visita senza alcun preavviso presso il centro di cottura della ditta appaltatrice;
- recepisce e verifica le istanze e segnalazioni di criticità rispetto alla corretta esecuzione del servizio di refezione scolastica provenienti dalle Commissioni Refezione d'Istituto o direttamente dagli utenti;
- presenta proposte di miglioramento del servizio alla Commissione Refezione Centrale.

Ogni commissione Municipale è composta dal Presidente della Municipalità, o suo delegato, che la presiede, dal Direttore Centrale della Municipalità, dal Dirigente del competente Servizio Municipale, da un rappresentante del Distretto sanitario territorialmente competente (nominato dall'ASL) e da n.3 genitori di alunni refezionanti frequentanti scuole ricomprese nel territorio della Municipalità.    

 

Commissione refezione Scolastica d'Istituto

I singoli Istituti Scolastici presso cui si effettua il servizio di refezione erogato dal Comune di Napoli possono istituire al loro interno la Commissione Refezione d'Istituto, con la finalità di esercitare, nell'interesse dell'utenza, una funzione di collegamento tra utenti e Amministrazione Comunale e verificare il buon andamento del servizio.

Nelle scuole dell'infanzia, primarie e secondarie di primo grado statali, ferma restando la loro autonomia, la Commissione potrà essere costituita da rappresentanti dei genitori e da docenti in ragione di tre genitori ed un insegnante per ogni ordine di scuola.
Nelle Scuole dell'Infanzia comunali  la commissione è composta da rappresentanti dei genitori e da docenti in ragione di tre genitori ed un insegnante.

La Commissione d'Istituto è nominata dal Consiglio di Circolo o di Istituto con propria deliberazione.

Funzioni 
In accordo con la Dirigenza scolastica e fermo restando il rispetto delle prerogative che la legge riconosce all'autonomia scolastica, la Commissione refezione d'Istituto può presso la scuola:
- verificare che le operazioni previste dalle Linee Guida per una corretta prassi igienica, disponibili presso ciascuna scuola, siano eseguite correttamente dal personale addetto;
- controllare la corrispondenza alle prescrizioni e l'esatta distribuzione delle diete speciali;
- verificare la pulizia dei locali e dei piani d'appoggio;
- assaggiare, in spazio distinto e separato da quello in cui si svolge la refezione, i pasti al momento della distribuzione compatibilmente con le quantità disponibili come assaggio;
- visionare i documenti di trasporto dei pasti;
- presenziare alla distribuzione e al consumo del pasto nonché alle operazioni di pulizia e sanificazione;
- effettuare controlli sul rispetto del menù giornaliero, dei tempi e delle modalità di consegna e sulle date di scadenza dei prodotti.

La Commissione Refezione d'Istituto può presso il centro di cottura :
- visitare i locali di stoccaggio e conservazione alimenti;
- visionare le attrezzature in uso;
- assistere alla preparazione e cottura;
- assistere alle operazioni di confezionamento e trasporto pasti.

Inoltre può formulare proposte alla Commissione Refezione Municipale tese al miglioramento del servizio di refezione nel suo complesso.  

Modalità d'Intervento
I rappresentanti della Commissione d'Istituto possono accedere ai locali scolastici (aule o refettori) in cui si svolge la refezione e al centro di produzione della ditta appaltatrice, previo appuntamento da concordarsi nel giorno stesso della visita.   I rappresentanti della Commissione non possono formulare osservazioni o contestazioni al
personale dipendente dalla Ditta appaltatrice né procedere al prelievo di campioni, né richiedere la consegna di copia di alcun documento.
La Commissione d'Istituto formalizza le risultanze delle verifiche eseguite su apposita modulistica. Copia del verbale dovrà essere trasmessa al competente Servizio Municipale competente territorialmente e, nei casi di visita presso il centro di cottura, ulteriore copia dovrà essere rilasciata al Responsabile dell'Azienda. Nel caso di rilevazione di criticità dovrà essere tempestivamente avvisato il Dirigente Scolastico per l'attivazione delle azioni previste.



Valuta questo sito: RISPONDI AL QUESTIONARIO