1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu fondo pagina di navigazione
Contenuto della Pagina
condividi

“-001-“ - La prima mostra retrospettiva dell’artista napoletano Paolo Incarnato

Inaugurerà mercoledì 19 giugno 2019 ore 17.30, la mostra dell’artista napoletano Paolo Incarnato (che negli ultimi anni vive e lavora in Grecia) presso il PAN|Palazzo delle Arti di Napoli, via dei Mille, 60. L’esposizione intitolata “-001-“ è la prima retrospettiva dell’artista partenopeo che esibirà sei unità tra le sue più espressive opere.

La mostra realizzata in collaborazione con l’Assessorato alla Cultura e al Turismo di Napoli esporrà le opere;History, Sacred, Pantheon, Hungry, Comunication, Memories chesono solo alcune delle opere iconiche dell’artista che saranno presentate al pubblico dal 19 al 29 giugno 2019 presso il Foyer del PAN. Le opere spaziano dall’installazione alla scultura senza limitarsi in un'unica idea. Influenzato dalla Pop Art e dell’Arte Povera, l’artista utilizza paradossi per colpire lo spettatore usufruendosi di diversi materiali (in maggioranza da riciclo) che aiuteranno alla percezione del tema centrale. Opere che vogliono fare luce su problematiche del mondo moderno attraverso un’esibizione differente volta a cominciare un dibattito aperto.

Nato a Napoli, Paolo completa la sua formazione artistica presso l’Accademia di belle Arti di Napoli concedendo la laurea nel 2012. Nel 2013 si trasferisce in Grecia e nel 2017 è selezionato alla VI Biennale di Salonicco.Il lavoro dell’artista si basa sul suo interesse verso i valori della vita; il tema dei profughi che negli ultimi anni ha soffocato nel mediterraneo è stato espresso tramite l’installazione site specific “GOLD” presso “Palazzo Monti” agli inizi del 2019, Brescia. La povertà mondiale, il paradosso della fame e l’instabilità della fede nelle religioni sono solo alcuni dei concetti che l’artista propone di discutere.

Oggi Paolo vive e lavora in Grecia.
 
Locandina della mostra
Valuta questo sito: RISPONDI AL QUESTIONARIO