1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
Comune di Napoli
  1. Previsioni Meteo
  2. Versione stampabile della pagina
  3. Mappa del sito
  4. Switch to english language

Contenuto della pagina

scheda del Real Albergo dei poveri

Monumento unico per impianto architettonico, dimensione e articolazione volumetrica, caratterizzato da ambienti di grandi dimensioni, manomesso e trasformato nella sua storia d'uso, costituisce, per forma e dimensione, esempio ineguagliabile della magnificenza civile del 1700.
 

  • età 250 anni
  • superficie 103.000 mq
  • volume 830.000 mc
  • livelli da 2 a 9
  • cortili maggiori 3 (ciascuno di 6500)
  • cortili minori (da) 6 (ciascuno di 700 mq)
  • larghezza totale 140 m
  • lunghezza totale 360 m
  • altezza massima 42 m
  • altezza minima 15 m
  • ambienti 440
  • ambiente medio 8 m x 40 m
  • corridoi 9 km

 
Fu Carlo III di Borbone a volere la costruzione dell'Albergo dei Poveri e per realizzarlo chiamò a Napoli un architetto di riconosciuta fama e bravura, Ferdinando Fuga.

L'edificio doveva ospitare, istruire e redimere tutti poveri del Regno. L'ambizioso progetto iniziato nel 1751 non ebbe però mai conclusione; pur nella sua vastità, infatti, l'edificio è incompiuto essendo stati realizzati i tre quinti dell'impianto planimetrico di progetto e circa i due quinti dell'impianto volumetrico. Nei 250 anni d'uso, il Real Albergo dei Poveri ha visto svolgersi essenzialmente attività di formazione (scuola, musica, artigianato, ...) e assistenza (religiosa, sociale, medica, ...). Il Comune di Napoli ha acquisito il monumento dopo il terremoto dell'80, così come gravemente danneggiato dal sisma. I lavori in corso e programmati hanno come obiettivo il consolidamento delle strutture, la conservazione del monumento e la riconfigurazione degli spazi per il successivo riuso.

L'edificio è oggi interessato da diversi cantieri in diverse fasi di avanzamento. I 39 milioni di euro derivati dall'emissione dei BOC nel 2004 sono stati tutti impegnati in meno di sei mesi. I lavori sono stati ripartiti in quattro grandi interventi. Sono in fase avanzata i lavori per la realizzazione del nuovo marciapiede e del centro di documentazione con un investimento da 3 milioni. È in corso la sistemazione della corte centrale. È in aggiudicazione la gara - di cui si sono aperte le buste lo scorso settembre- per l'intervento più considerevole, pari a 21 milioni, che riguarda il completo restauro del corpo centrale.
 
È stato infine approvato il progetto per il restauro del volume d'angolo tra piazza Carlo III e via Tanucci per un ammontare di 14 milioni. Gli interventi di restauro della facciata e di ricostruzione delle volte crollate, attualmente in corso, sono invece finanziati con mutuo. Nonostante le gravi carenze strutturali che hanno determinato, tra gli anni '80 e '90, crolli di vaste proporzioni e diffuso degrado, già con i primi interventi il Real Albergo dei Poveri ha ripreso ad infondere nel visitatore il senso della magnificenza del luogo.

 
 
 
 
 
 
Area riservata
  1. Digg
  2. Technorati
  3. Aggiungi ai Preferiti