1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
Comune di Napoli
  1. Previsioni Meteo
  2. Versione stampabile della pagina
  3. Mappa del sito
  4. Switch to english language
Home » Turismo e Cultura » Mostre » Il bello o il vero. La scultura napoletana del secondo Ottocento e del primo Novecento

Contenuto della pagina

Il bello o il vero. La scultura napoletana del secondo Ottocento e del primo Novecento

La mostra sarà visitabile fino al 31 maggio

 

Complesso Monumentale San Domenico Maggiore,
fino al 31 Maggio 2015,
tutti i giorni 11,00 - 19,00,
ingresso 5 euro


La mostra, inaugurata nel mese di ottobre, curata dalla prof. Isabella Valente, progettata da DATABENC - distretto ad Alta tecnologia, promossa dal Comune di Napoli, dall'Università degli Studi di Napoli "Federico II", rimarrà aperta fino al 31 maggio.
Nuove mostre nella mostra, caffe letterario, appuntamenti culturali, sociali, musicali e gastronomici, soprattutto legati all'Expo 2015, restauri live, convegni nazionali ed internazionali saranno programmati per presentarsi alla città e più in generale alla nazione con l'ambizione di creare sempre più a San Domenico Maggiore un polo universale della cultura.


Eventi che si svolgeranno nel Convento di San Domenico Maggiore in relazione alla mostra "Il bello o il vero".

"Giovanni Tizzano. Anteprima del Novecento"

"Sguardi su Francesco Jerace"

"Prospettiva su Lelio Gelli"

"Fogli di pensieri" sui disegni di Costantino Barbella"

"La testa di Gatto ed altre opere"

Restauri live dall'11 al 16 maggio

"Come alla corte di Federico II:parlando e riparlando di scienza"

"L.O.S.A.I ."Laboratori open di Arte, Scienza e Innovazione

La mostra "Il Bello o il Vero. La scultura napoletana del secondo Ottocento e del primo Novecento", promossa dal Comune, dalla Fondazione Forum Universale delle Culture e dall'Università degli Studi di Napoli "Federico II" in collaborazione con Databenc - Distretto ad Alta tecnologia, presenta, a mio avviso, due ragioni particolari di interesse. Innanzitutto il luogo. San Domenico Maggiore è un Complesso monumentale impressionante per la sua bellezza, straordinario per la sua storia (basti ricordare che vi hanno studiato, tra gli altri Giordano Bruno e San Tommaso d'Aquino e di quest'ultimo si conserva la cella nella quale è vissuto). Chiuso per decenni e quasi sconosciuto ai napoletani è stato restaurato ed aperto al pubblico cittadino, ma attende una solenne occasione ufficiale per essere presentato ad un pubblico nazionale ed internazionale.
Soprattutto, poi, la mostra. Restituisce a Napoli per la prima volta opere e personalità di grande interesse, ma anche la possibilità di conoscere un'intera stagione artistica, tanto vivace ed originale quanto ingiustamente trascurata dalla storiografia. Essa inoltre si segnala per un percorso espositivo unico, non solo per le dimensioni ma anche per la novità delle installazioni tecnologiche che lo caratterizzano, sulle linee di ricerca sulle quali opera Databenc - Distretto ad Alta Tecnologia dei Beni Culturali.


L'Assessore alla Cultura e al Turismo

Nino Daniele

 
 

La mostra, inaugurata nel mese di ottobre, curata dalla prof. Isabella Valente, progettata da DATABENC - Distretto ad Alta tecnologia, promossa dal Comune di Napoli, dall'Università degli Studi di Napoli "Federico II", rimarrà aperta fino al 31 maggio. Nuove mostre nella mostra, caffe letterario, appuntamenti culturali, sociali, musicali e  gastronomici, soprattutto legati all'Expo 2015, restauri live, convegni nazionali ed internazionali saranno programmati per presentarsi alla città e più in generale alla nazione con l'ambizione di creare sempre più a San Domenico Maggiore un polo universale della cultura.
Il "Bello o il Vero" è una mostra unica nel suo genere presentando ben 271 opere provenienti da musei, gallerie e collezioni private di tutta Italia. Il percorso fornisce un contributo visivo e documentario approfondito sulla situazione della scultura partenopea tra il XIX e il XX secolo. Nuove tecnologie digitali ed interattive introducono innovative modalità di fruizione delle opere. Le sculture parlano grazie ad una app scaricabile gratuitamente e progettata per smartphone e tablet, per raccontarsi ai visitatori.

 
 

Il Bello o il Vero - Virtual Tour

clicca per ingrandire

Su www.ilbellooilvero.it è possibile visitare la mostra attraverso il Virtual Tour per passeggiare nelle sale godendosi in anteprima il piacere della visita dal vivo.
Il Bello o il Vero - Virtual Tour
è uno strumento di fruizione innovativa che permette la visita virtuale dell'esposizione di sculture attualmente in corso al Complesso Monumentale di San Domenico Maggiore, comodamente dalla propria abitazione. Tale applicazione non solo consente di godere di una completa panoramica degli splendidi ambienti in cui le opere sono state esposte, ma offre anche un'accurata descrizione e numerosi approfondimenti multimediali per ognuna di esse. Le informazioni fruibili mediante Il Bello o il Vero - Virtual Tour sono messe a disposizione attraverso una piattaforma di catalogazione strutturata dei contenuti che raccoglie centinaia di fascicoli delle opere d'arte, ovvero un nuovo modo di archiviare e catalogare contenuti storico-artistici da parte del Distretto.

Continua a leggere il comunicato

 
 
 
 
 
 
 
Area riservata
  1. Digg
  2. Technorati
  3. Aggiungi ai Preferiti