1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu fondo pagina di navigazione
Contenuto della Pagina
condividi

Chiesa dei SS. Apostoli

Lanfranco, particolare affreschi volta.

La costruzione della primitiva Chiesa risale al V secolo d.c. per volontà del vescovo Sotero. Nel 1574 i Teatini (ordine religioso di chierici regolari fondato da San Gaetano da Thiene) ottennero la struttura dai Caracciolo di Vico e nel 1610 iniziarono la costruzione dell'attuale Chiesa su progetto dell'architetto teatino Francesco Grimaldi. A seguito della morte del Grimaldi i lavori continuarono sotto la direzione di Bartolomeo Picchiatti, Giovan Giacomo di Conforto, Agostino Pepe e Pietro di Marino.
È una splendida Chiesa barocca a pianta a croce latina a navata unica con quattro cappelle per lato intercomunicanti tra loro. Ai lati del transetto vi sono due altari, quello a sinistra, in marmo bianco progettato da Francesco Borromini.
La copertura della navata è a botte, affrescata da Giovanni Lanfranco con le storie dei Martiri dei Santi Tommaso, Bartolomeo, Matteo, Giovan Battista e le storie degli Apostoli. All'incrocio, tra la navata ed il transetto, vi è la maestosa cupola ricca di stucchi e altorilievi opera di Giovan Battista d'Adamo, su disegno di Dionisio Lazzari.
Negli archi delle otto cappelle sono inserite sedici tele di Francesco Solimena. La controfacciata è mirabilmente affrescata con la scena della Piscina dei Probati, opera del pittore Giovanni Lanfranco.
 
Il Monastero, prospiciente a SS. Apostoli, fu realizzato sempre su disegno del Grimaldi alla fine del XVI secolo.
Tolto ai teatini ed incamerato ai beni dello Stato nel XIX secolo fu adibito prima ad archivio notarile, poi a Manifattura dei tabacchi ed ora è sede del Liceo Artistico Statale. Presenta un doppio chiostro intorno al quale si sviluppa, su due piani, la fabbrica conventuale. Al primo piano un ampio e solare ballatoio, con copertura a volta, dà accesso ai diversi ambienti.

 
Valuta questo sito: RISPONDI AL QUESTIONARIO