1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
Comune di Napoli
  1. Previsioni Meteo
  2. Versione stampabile della pagina
  3. Mappa del sito
  4. Switch to english language
Home » Aree tematiche » Sociale » Contrasto alla povertà » Misura di contrasto alla povertà denominata "Sostegno per l'inclusione attiva" (SIA)

Contenuto della pagina

Misura di contrasto alla povertà denominata "Sostegno per l'inclusione attiva" (SIA)

- Dal giorno 09/06/2017 sono consultabili gli esiti delle domande presentate fino al  28 aprile 2017 ed esaminate dall'INPS nonché gli esiti dei controlli bimestrali eseguiti dall'INPS sulle domande già accolte. Le domande presentate dal 1 maggio risultano tutte nello stato "in lavorazione" da parte dell'INPS in quanto verranno applicati i nuovi criteri come da Decreto Ministeriale
- Dal giorno 05/05/2017 sono consultabili gli esiti delle domande presentate fino al  26 aprile 2017 ed esaminate dall'INPS nonché gli esiti dei controlli bimestrali eseguiti dall'INPS sulle domande già accolte

- Dal giorno 31/03/2017 sono consultabili gli esiti delle domande presentate fino al  23 marzo 2017 ed esaminate dall'INPS nonché gli esiti dei controlli bimestrali eseguiti dall'INPS sulle domande già accolte

- Dal giorno 15/03/2017 sono consultabili gli esiti delle domande presentate fino al 3 marzo 2017 ed esaminate dall'INPS nonché gli esiti dei controlli bimestrali eseguiti dall'INPS sulle domande già accolte

- Dal giorno 27/02/2017 sono consultabili gli esiti delle domande presentate fino al  21 febbraio 2017 ed esaminate dall'INPS nonché gli esiti dei controlli bimestrali eseguiti dall'INPS sulle domande già accolte

- Dal giorno 24/01/2017 sono consultabili gli esiti delle domande presentate fino al 16 gennaio 2017 ed esaminate dall'INPS

- Dal giorno 22/12/2016 sono consultabili gli esiti delle domande presentate fino al 19 dicembre 2016 ed esaminate dall'INPS

 

22/05/2017 - Novità sul Sostegno per l'Inclusione Attiva
Sulla Gazzetta Ufficiale del 29 aprile è stato pubblicato il decreto del Ministro del Lavoro e delle politiche sociali, di concerto col Ministro dell'Economia e delle finanze, del 16 marzo 2017 che allarga la platea dei beneficiari del Sostegno per l'Inclusione Attiva (SIA).

La novità principale introdotta dal Decreto in oggetto è l'abbassamento della soglia di accesso relativa alla valutazione multidimensionale del bisogno. Infatti, con l'entrata in vigore del Decreto 16 marzo 2017 basteranno 25 punti per accedere al SIA, invece dei 45 punti richiesti in precedenza. L'INPS, come ha specificato nella sua Circolare n. 86 del 12/05/2017, provvederà a rielaborare d'ufficio, con verifica dei requisiti al 30 aprile 2017 in base ai nuovi criteri, tutte le domande presentate entro il 29 aprile 2017, che siano state rigettate esclusivamente per effetto dell'applicazione di uno dei criteri modificati dal Decreto 2017.

Pertanto, così come previsto dalla predetta Circolare INPS, per tutte le domande che ricadono nella suddetta casistica, non sarà più possibile sbloccare le domande già esaminate, fino a quando l'INPS non le riesaminerà. Il nuovo Decreto, inoltre, prevede che le famiglie composte esclusivamente da un genitore solo e da figli minorenni avranno diritto a un incremento del beneficio di ulteriori 80 euro, che si applicherà anche agli attuali beneficiari del SIA.

Per quanto riguarda le famiglie con persone disabili e non autosufficienti, come definite ai fini ISEE. Per quest'ultime, in particolare, la soglia di eventuali altri trattamenti economici percepiti compatibile con il SIA si innalza da 600 a 900 euro mensili, permettendo quindi l'accesso a un maggior numero di nuclei familiari.

Altre modifiche
Il Decreto stabilisce che, per coloro che hanno già beneficiato del SIA, una nuova domanda di SIA possa essere presentata solo trascorsi almeno tre bimestri dall'ultimo beneficio percepito. La norma si applica anche nei casi di revoca del beneficio, per i quali è necessario ugualmente che intercorrano almeno tre bimestri tra la revoca e l'eventuale nuova richiesta. E' stata data attuazione alla norma di cui all'articolo 4, comma 3, lettera b), punto i), del Decreto 2016. Tale norma prevede che, nel corso del periodo di erogazione del beneficio, debbano essere comunicate all'INPS tutte le eventuali variazioni della situazione lavorativa e reddituale dei componenti il nucleo familiare, rispetto a quanto rilevato nella dichiarazione ISEE in corso di validità alla data di presentazione della domanda per il SIA. A tal fine, dovrà essere utilizzato l'allegato modello SIA-com, che dovrà essere compilato entro 30 giorni dall'inizio della attività lavorativa, con l'indicazione del reddito annuo previsto. Il SIA -com dovrà essere presentato anche in caso di variazione del predetto reddito previsto.

Analogamente, tale modello dovrà essere utilizzato all'atto della richiesta del beneficio, qualora uno o più componenti del nucleo stiano percependo redditi da lavoro che non siano, tuttavia, stati valorizzati nell'attestazione ISEE in corso di validità al momento della domanda. La comunicazione all'INPS del reddito annuo previsto, attraverso il modello SIA - com, verrà utilizzata ai fini della verifica della permanenza del requisito della condizione economica di bisogno (valore attestazione ISEE inferiore o uguale a euro 3.000).

 

Per i CAF

Si comunica che, al fine di migliorare e velocizzare le attività relative all'invio delle domande SIA, a partire dal 16/03/2017 gli operatori dei CAF potranno annullare e sbloccare autonomamente le domande respinte per poterle inserire nuovamente. Per procedere all'annullamento ed allo sblocco gli operatori dovranno accedere alla schermata di visualizzazione domanda e cliccare sull'icona a forma di cerchio rosso con una X bianca al centro sotto la colonna azioni, in fondo a destra. Inoltre gli operatori dovranno necessariamente indicarne la motivazione che sarà oggetto di verifiche e controlli. Pertanto, visto che a partire dalla suddetta data, tutte le mail inviate a sa.sistemi.informativi@comune.napoli.it saranno ignorate. Ogni operatore può sbloccare solo le proprie domande, pertanto gli utenti che vogliono presentare la nuova domanda in un CAF diverso dal primo dovranno prima recarsi nel CAF della prima domanda per procedere con lo sblocco.

 
 

Per i Beneficiari della carta SIA e per i CAF

In merito agli esiti dei controlli bimestrali eseguiti dall'INPS sulle domande già accolte si rappresenta quanto segue:

1) L'INPS ha respinto quelle domande per le quali ha riscontrato una DSU che, al netto di decessi e nascite, presenta una diversa composizione rispetto a quella della precedente DSU, in applicazione dell'art. 4, comma B, punto i) che stabilisce che "In caso di altre variazioni nella composizione del nucleo familiare, rispetto a quanto dichiarato a fini ISEE, il beneficio decade dal bimestre successivo alla variazione e la richiesta del beneficio può essere eventualmente ripresentata per il nuovo nucleo senza soluzione di continuità";
2) Per quelle domande che si trovano nello stato "DSU non attestata" l'accredito del bimestre verrà effettuato appena sarà terminato l'iter del completamento della nuova DSU.

Si ricorda, infine, che, se il beneficiario non ha rinnovato l'attestazione ISEE entro il 15 gennaio 2017, il diritto al beneficio viene sospeso a decorrere dal bimestre successivo (marzo-aprile 2017). Se l'ISEE viene rinnovato dopo il 15 gennaio, il beneficio viene riattivato dal bimestre successivo a quello di presentazione della nuova Dichiarazione ISEE (DSU), compresi gli arretrati relativi ai mesi precedenti. Per il bimestre gennaio-febbraio 2017, vale l'ISEE in vigore al momento della presentazione della domanda SIA.

 

Indicazioni per consultare i ricorsi

È disponibile per i CAF ed i cittadini la funzionalità dell'applicativo di consultazione dati ricorsi:

1) Per i Caf
a. Accesso al portale sia.comune.napoli.it  attraverso le credenziali fornite
b. Dal menù orizzontale in alto cliccare Visualizzazione Domanda
c. Dalla schermata di visualizzazione, in fondo alla riga, sotto la colonna azioni, cliccare sull'occhio giallo (visualizza esito) - se non è presente tale icona non è ancora stato inviato l'esito dall'INPS
d. Dalla schermata di visualizzazione esito, in fondo alla riga,  sotto la colonna azioni, cliccare sull'occhio giallo (visualizza ricorso) - se non è presente tale icona il ricorso non è ancora stato caricato o non è stato presentato correttamente


2) Per i cittadini
a. Accesso al portale sia.comune.napoli.it con codice fiscale (nome utente) e protocollo completo (password)
b.Tasto visualizza ricorso

 
Misura di contrasto alla povertà denominato "Sostegno per l'inclusione attiva" (SIA)
 

Il Decreto del Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali, di concerto con il Ministro dell'Economia e delle Finanze, pubblicato sulla G.U. n. 166 del 18/07/2016, ha dato l'avvio su tutto il territorio nazionale alla misura di contrasto alla povertà denominata "Sostegno per l'inclusione attiva" (SIA).

Il Sostegno per l'Inclusione Attiva (SIA) è una misura di contrasto alla povertà che prevede l'erogazione di un sussidio economico alle famiglie in condizioni economiche disagiate in cui sia presente almeno un minore, oppure una persona con disabilità o una donna in stato di gravidanza accertata.

Oltre al beneficio economico il SIA prevede l'attivazione di un progetto personalizzato, volto al superamento della condizione di povertà, al reinserimento lavorativo e all'inclusione sociale, che è vincolante per accedere al beneficio. Il progetto personalizzato viene costruito insieme al nucleo familiare sulla base delle indicazioni operative fissate a livello nazionale dal Ministero del lavoro e delle politiche sociali d'intesa con le Regioni (Linee guida per la predisposizione dei progetti di presa in carico del SIA, approvate in Conferenza Unificata l'11 febbraio 2016).

 

Indicazioni per conoscere lo stato della domanda e per la presentazione della domanda di riesame

 

Chiarimenti per alcuni Esiti domande carta SIA
Si comunica che per le domande respinte dall'INPS in cui la DSU non corrisponde alla situazione reale (es. Modulo con disabile assente nella Dsu selezionata) o  quelle per le quali, comunque, occorre fare delle rettifiche alla DSU, il cittadino non deve fare il riesame ma deve ripresentare la domanda solo dopo aver provveduto a far apportare le modifiche necessarie sulla DSU. Gli operatori dei CAF per sbloccare il nuovo invio da portale del comune dovranno inviare una mail a: sa.sistemi.informativi@comune.napoli.it specificando codice fiscale,  protocollo,  motivazione della rettifica al DSU, codice DSU vecchio e codice DSU nuovo.

Per quanto riguarda, invece, quelle domande respinte per la mancata attribuzione del punteggio relativamente allo stato di disoccupazione (regolarmente fleggato nella domanda) gli Uffici competenti stanno verificando con l'INPS se c'è stato un errore del loro applicativo. Pertanto, per questi casi, si invitano i cittadini ad attendere  qualche giorno prima di presentare istanza di riesame in quanto potrebbero cambiare gli esiti a seguito delle correzioni da parte dell'INPS.

Nel caso in cui l'INPS dovesse correggere questi esiti ne verrà data immediata comunicazione.

 
 
 

Modalità di presentazione Istanza di Rinuncia
Si comunica che i cittadini che intendono rinunciare alla domanda per l'accesso alla misura di contrasto alla povertà denominata "Sostegno per l'inclusione attiva" devono presentare istanza di rinuncia, sottoscritta, in cui viene specificato il motivo della rinuncia e devono allegare fotocopia del documento d'identità e ricevuta della presentazione della domanda. Le istanze di rinuncia devono pervenire al Servizio Politiche d'Inclusione Sociale - Città solidale con una delle seguenti modalità:

- a mano al protocollo del Servizio Politiche d'Inclusione Sociale - Città solidale sito a via S. Tommasi, 19;
- a mano al Protocollo generale del Comune di Napoli sito a Palazzo San Giacomo piazza Municipio specificando come destinatario il Servizio Politiche d'Inclusione Sociale - Città solidale;
- a mezzo Raccomandata con Ricevuta di ritorno con destinatario Servizio Politiche d'Inclusione Sociale - Città solidale via S. Tommasi, 19-80135 Napoli;
- a mezzo PEC personale del cittadino.

 

Comunicazione/Informazioni
Scarica le faq del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali.

 
 

Si ricorda che nessun costo è dovuto ai CAF dai cittadini per le prestazioni fornite e che non è prevista una scadenza per la presentazione delle domande, che potranno quindi essere presentate anche successivamente.

 

Normativa di riferimento

- Decreto Interministeriale del 26.05.2016 pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 18 luglio 2016 n. 166
- lavoro.gov.it/notizie/Documents/Linee_guida_SIA.pdf
- Messaggio n. 3451 del 30-08-2016, "Sostegno all'inclusione attiva: modalità di trasmissione delle domande all'Istituto"

 
 

Per i cittadini e per i CAF: informazioni di carattere generale

email: sia@comune.napoli.it
Tel: 081.7958178 - 081.7958173 - 081.7958181 dalle 9.00 alle 13:00 e dalle 14:00 alle 15:00

 

Per i CAF: disallineamenti anagrafici

 
 
 
 
 
 
Area riservata
  1. Digg
  2. Technorati
  3. Aggiungi ai Preferiti