1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu fondo pagina di navigazione
Contenuto della Pagina
condividi

gli intonaci dipinti

frammenti di decorazioni colorati
Bottega di Giotto, frammenti di decorazione a fresco, già nella Cappella Palatina di Castel Nuovo

Oltre ai reperti d'età classica, alle sepolture altomedievali ed ai materiali ceramici e metallici d'età angioina e aragonese, lo scavo degli ambienti 1, 2 e 3 del Castel Nuovo ha portato alla luce numerosi frammenti d'intonaco dipinto. Non tutti questi frammenti appaiono dello stesso tipo e della stessa epoca; alcuni - come sono - in apparenza parte di una semplice passata omogenea di pittura chiara, o scura, ed altri d'una grossolana decorazione geometrica in giallo e rosso ruggine su fondo bianco.
 
Una gran parte, tuttavia, mostra le caratteristiche comuni d'un buon "arriccio", o intonaco grosso, d'un disegno preparatorio soprastante in terra rossa, o "sinopia", d'uno strato sottile e raffinato di "intonachino" diviso in "giornate" - esattamente così come narrato da Cennino Cennini per la tecnica dell'affresco trecentesco - ed infine d'una vasta gamma di colori anche preziosi - gialli, bruni, rossi, ma anche verdi, azzurri e blu di lapislazzulo -, di incarnati, di volti, di teste, di aureole e di panneggi, con grande e diffuso impiego di dorature e tracce di motivi decorativi e architettonici; ad indizio di una provenienza comune da un vasto ciclo figurato eseguito da un'unica maestranza.

Non solo gli aspetti tecnici, ma anche ciò che s'intravede - dai frammenti di volti e di panni - dei caratteri formali di questi affreschi, lasciano intendere che questo "vasto ciclo" non possa essere altro che una parte della perduta decorazione del castello angioino voluta da re Roberto e realizzata - fra il 1329 e il 1333 - da Giotto e dalla sua bottega.

Sappiamo dalle fonti - a partire da Petrarca - e dai documenti del tempo che, fra il febbraio del 1329 e il maggio del 1331, Giotto aveva affrescato una "cappella segreta" della quale nulla più si conosce, ed ancora, e soprattutto, con soggetti biblici ed evangelici - "dentro la Cappella del Castel Nuovo era pintato per tutte le mura, per mano di Jocto, lo Testamento Vecchio e Nuovo, di buon lavoro" a detta dell'umanista Summonte (1524) - la celebre e ancor esistente Cappella Palatina; e forse più tardi, fra il 1331 e il 1333, l'intera Gran Sala del castello con un ciclo dei Nove uomini famosi dell'antichità e delle loro compagne, descritto attorno al 1350 da una corona di sonetti e poi dal Ghiberti e da altri scrittori ancora (Leone de Castris 1986, capp. V.1, 3).

L'una e l'altra impresa ebbero purtroppo vita assai breve. Quest'ultimo ciclo della Gran Sala di certo distrutto negli anni cinquanta del Quattrocento in occasione della totale rifazione, in diverse e maggiori dimensioni, e in diverse forme, della sala stessa, d'ora in poi coperta dalla grande volta a ombrello gotico-catalana progettata dal Sagrera, e di qui a poco battezzata come "Sala dei Baroni".

L'altro grande ciclo, quello della Cappella Palatina, molto probabilmente danneggiato in modo sensibile dal tragico terremoto del 1456 - come dimostrano le vaste lesioni un tempo visibili sulle pareti e i rinforzi e i tompagni quattrocenteschi - e verosimilmente almeno in parte sostituito dalla decorazione commissionata e pagata nel 1470-71 da Ferrante d'Aragona a un tal Marchitello Gallo (Filangieri 1934; 1936-40; Leone de Castris in Castel Nuovo 1990).

 
frammenti di decorazioni colorati
Bottega di Giotto, frammenti di decorazione a fresco, già nella Cappella Palatina di Castel Nuovo

A considerazioni e a date analoghe spinge il passo del Summonte successivo a quella appena citato - "poi, ad tempo del re Ferrando vecchio, un suo consigliero poco bon iodice di cose simili, extimandole poco, fe' dar nuova tunica ad tutte quelle mura" -; e tuttavia proprio di questi affreschi con Storie testamentarie si conservano fortunosamente ancor oggi - recuperate durante i restauri del 1926-34 sotto lo scialbo ed i tompagni - almeno le fasce che ornavano gli sguanci dei finestroni, con decori geometrici e vegetali, stemmi e clipei con teste di santi e di altri personaggi, che la critica ha voluto attribuire a Giotto stesso e alla sua bottega, composta di "aiuti" toscani e napoletani e capitanata dal grande Maso di Banco.

I frammenti or ora ritrovati appartengono probabilmente proprio a questa stessa decorazione, e provengono dunque dalle pareti "scalpellate" della Cappella Palatina. Lo dimostrano non solo le analogie strettissime delle parti sopravvissute d'incarnati con i volti dei più noti clipei del finestrone di sinistra e del secondo di destra della nave e di quello di destra del coro, ma anche le dimensioni stesse ed i soggetti di queste figure frammentarie, deducibili dalle aureole - storie "sacre" dunque - e dallo sviluppo dei panneggi e dei volti stessi; incompatibili perciò, in apparenza, col formato monumentale e il tema classico-cavalleresco degli Uomini illustri della Gran Sala.

Alla stessa decorazione, e probabilmente a una membratura di finestrone, appartiene d'altronde anche il vasto e sciupato frammento di ornato vegetale che si vede affrescato su un blocco di piperno riutilizzato nella muratura tufacea dell'ambiente, e portato alla luce anch'esso dallo scavo, ridotto quasi allo stato del disegno preparatorio ma molto simile a quelli dei finestroni laterali della cappella, a girali affrontati e accartocciati.

Altri due blocchi analoghi sono stati, nella stessa occasione, rinvenuti nell'impiantito dello stesso ambiente 1 e nella muratura esterna dell'ambiente 3; ma la tecnica diversa e la qualità decisamente meno fine suggeriscono in questo caso una provenienza da altre parti del castello e da decorazioni di data forse più avanzata.

 
Valuta questo sito: RISPONDI AL QUESTIONARIO