1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu fondo pagina di navigazione
Contenuto della Pagina
condividi

"Umanità – Il Mondo che verrà" - Personale Lucio DDTART

Dal 18 al 28 settembre 2021, Carceri Basse - Castel dell'Ovo

Sabato 18 settembre, alle ore 17,00, è stata inaugurata nella suggestiva cornice delle Carceri Basse di Castel dell’Ovo la manifestazione artperformingfestival®, ideata dal curatore Gianni Nappa ed organizzata e promossa dall’Associazione artperformingfestival®, di cui Nappa è Presidente, e dalla GlobalStrategies S.r.l.

La rassegna è patrocinata dalla Regione Campania e dal Comune di Napoli e realizzata in collaborazione con il Comune di Napoli, l’Assessorato alla Cultura e al Turismo e l’Assessorato alle Politiche Sociali, diretti rispettivamente da Annamaria Palmieri e Donatella Chiodo. La VI edizione della manifestazione è stata suddivisa in due tappe, di cui la prima si è tenuta a Procida, Capitale italiana della Cultura 2022, presso Palazzo d’Avalos, edificio dominante della Terra Murata, costruito nel ‘500 e trasformato in carcere nel 1830. L’ambientazione di artperformingfestival® in due carceri vuole simboleggiare la mancanza di libertà alla quale i cittadini del mondo intero sono stati sottoposti a causa della pandemia, in linea con la scelta del tema “UMANITÀ – Il Mondo che verrà”, che risponde all’esigenza di dare ascolto all’urlo in difesa dei diritti umani che si è levato in tutto il mondo e di affrontare in maniera concreta i problemi più rilevanti per le generazioni future.

Da sei anni artperformingfestival® è presente come proposta indipendente, con la volontà di scegliere gli artisti in base all’attualità dei linguaggi ed alle sperimentazioni che conducono ad una migliore comprensione del mondo che verrà, con la scelta di tematiche legate alla situazione globale culturale, sociale ed ambientale, con la partecipazione delle energie creative e di quanti credono ancora e sempre nelle capacità dell’arte di smuovere le coscienze assopite della collettività che, oramai ripiegata su problemi di sussistenza, non crede più nella possibilità di essere protagonista di un cambiamento necessario per il futuro dell’umanità.

Durante l'emergenza Coronavirus si è verificata una vera e propria “pandemia di violazioni dei diritti umani" come ha denunciato il Segretario Generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres in un intervento scritto per “The Guardian”. "Gli abusi - ha aggiunto Guterres - hanno prosperato perché la povertà, la discriminazione, la distruzione del nostro ambiente naturale e altri fallimenti nell’ambito dei diritti umani hanno creato enormi fragilità nelle nostre società”. Il Climate clock, installato sulla facciata del Ministero della Transizione ecologica a Roma, ci ricorda intanto che abbiamo meno di sette anni per agire affinché l’aumento della temperatura media globale non superi 1,5° come auspicato dall’Accordo di Parigi del 2015.

 Tali dati potranno variare a seconda delle azioni che saranno intraprese da governi, aziende e cittadini. A tal proposito, poiché la nostra Costituzione non riconosce esplicitamente la tutela dell’ambiente come diritto fondamentale dell’individuo e interesse della collettività, la Corte costituzionale ha presentato un disegno di legge per modificare l’articolo 9 della Costituzione aggiungendo un terzo comma, dal seguente tenore: «La Repubblica tutela l’ambiente e l’ecosistema, protegge le biodiversità e gli animali, promuove lo sviluppo sostenibile, anche nell’interesse delle future generazioni».     
 
 
Locandina della mostra
Valuta questo sito: RISPONDI AL QUESTIONARIO