1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu fondo pagina di navigazione
Contenuto della Pagina
condividi

L'austero Guardaporta

particolare di antica stampa del real edificio di San Giacomo con il Guardaporta, anno milleottocentoventinove
particolare da: D. Cuciniello - L. Bianchi, "vestibolo principale del nuovo real edificio di San Giacomo", 1829

Trasformato da Palazzo dei Ministeri borbonici a sede del Municipio, il maestoso edificio di San Giacomo continuava a svolgere un ruolo da "protagonista" nella vita cittadina e quel rango andava affermato, avvalorato, esibito anche attraverso segni di grandezza. Così come per il passato, quindi, nell'androne principale doveva continuare ad esserci ed a svolgere il suo delicato e rappresentativo incarico un gallonato Guardaporta (proprio con la maiuscola).

Fino dai tempi remoti severo custode a guardia dell'ingresso delle residenze reali, delle dimore nobiliari e delle sedi istituzionali, reso austero da una rutilante uniforme, il Guardaporta (nell'antichità noto come atriense) barrava l'ingresso a quanti non avevano il "viglietto d'ammissione", forniva indicazioni per "l'accesso a palazzo" e costituiva il primo "incontro di rappresentanza" per gli ospiti illustri giunti in visita e ai quali era simbolicamente spalancato il "portone maggiore".

Presso l'Archivio Storico Municipale è conservato un disegno a firma di Luigi Piccioli che raffigura la "tenuta", cioè l'uniforme, del "Guardaporta della sede principale del Municipio". Il foglio è privo di data, ma è unito a carte che lo riguardano e che permettono di datarlo al 1875.

 
disegno dell'uniforme del Guardaporta della sede principale del Municipio, anno milleottocentosettantacinque
uniforme del "Guardaporta della sede principale del Municipio", 1875

l'uniforme

I colori dello stemma cittadino sono il tema utilizzato nell'ideazione della livrea. Rispettando i canoni stilistici delle uniformi dell'ancien régime, l'abito è composto da: giamberga ad un petto in panno rosso foderata in tessuto leggero di colore giallo, colletto, paramani e bordino a guarnitura anch'essi in giallo; sottoveste (o gilet) in panno rosso con bordino a guarnitura in giallo e doppia fila di bottoni dorati; calzoni al ginocchio (polpe) anch'essi in panno rosso con bordo giallo e bottoncini dorati a chiusura; calze bianche e scarpini in pelle nera con nocca in punta.
 
Cappello a bicorno in feltro nero con cordoncino giallo e rosso che termina ai lati con fiocchetti gialli, coccarda giallo-rossa su gallone giallo, piumeggio bianco, pennacchio giallo con piume ricadenti rosse. Guanti bianchi. Tracolla, con stemma della Città, in panno giallo con fiocchi anch'essi gialli; alla tracolla è appesa la spada caratterizzata dall'elsa a croce. Mazza con grosso pomo e punta in argento.

 
 
 

Bernardo Leonardi

 
 

Area Cultura e Turismo Servizio Beni Culturali - Archivio Storico Municipale
Salita Pontenuovo, 31 - 80139 Napoli
e-mail: archivi.storici.biblioteche@comune.napoli.it
pec: archivi.biblioteche@pec.comune.napoli.it

Valuta questo sito: RISPONDI AL QUESTIONARIO