1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu fondo pagina di navigazione
Contenuto della Pagina
condividi

Nasce il coordinamento tra Presidenti dei Consigli comunali delle città capoluogo di Regione e Province autonome

Nasce il coordinamento tra Presidenti dei Consigli comunali delle città capoluogo di Regione e Province autonome
Valorizzare il ruolo del Consiglio comunale, mettendo insieme le diverse esigenze e buone pratiche amministrative. E favorire la parità di genere. Sette presidenti, tutte donne, di sette capoluoghi italiani, hanno dato il via a Roma all'iter per la costituzione del "Coordinamento tra Presidenti dei Consigli comunali delle città capoluogo di Regione e Province autonome".

Una sfida importante incentrata sul riequilibrare, a trent'anni dalla riforma che ha portato alla elezione diretta del sindaco, il ruolo dei Consigli comunali con poteri e ruoli per le assemblee. Un'iniziativa lanciata dalla presidente dell'Assemblea capitolina Svetlana Celli presentata in Campidoglio dove hanno partecipato le presidenti dei Consigli comunali di Bologna, Maria Caterina Manca; Bolzano, Monica Franch; Milano, Elena Buscemi; Napoli, Vincenza Amato; Roma, Svetlana Celli; Torino, Maria Grazia Grippo; e Venezia, Ermelinda Damiano.

Una  rete bipartisan di cui sono state condivise e sottoscritte le linee guida durante l'incontro in Sala delle Bandiere: "Siamo 7 donne e non è una causalità, ma frutto della consapevolezza di anni di battaglie e di lavoro e di una parità di genere intesa in modo qualitativo e non quantitativo. Vogliamo rafforzare il lavoro già partito con l'Anci e potenziare questo laboratorio per portarlo poi all'attenzione del Parlamento e del Governo attraverso la volontà dei Consigli comunali". Presente anche il sindaco di Roma Roberto Gualtieri.

"Questa è davvero una iniziativa che saluto con grande favore perché stabilire un coordinamento e strutturare un rapporto tra i Consigli comunali, che esprimono la rappresentanza diretta dei cittadini, è un qualcosa di grande importanza e rilievo", ha sottolineato il sindaco. Il coordinamento sarà promosso ed organizzato in un quadro di cooperazione all'interno di Anci. Saranno elaborate delle proposte da sottoporre a Governo e Parlamento in relazione sia al funzionamento dei Consigli comunali sia al tema della parità di genere".

"E' necessario fare rete e sinergia per rendere sempre più efficace il lavoro dell'Assemblea elettiva, organo di indirizzo e controllo, ma soprattutto luogo centrale di partecipazione e confronto democratico. Rafforzando i Consigli comunali, dove sono rappresentate le diverse realtà della città, si rafforza anche il rapporto tra cittadini e istituzioni, restituendo quindi una rinnovata fiducia verso la politica e l'amministrazione pubblica", dicono le presidenti.
Valuta questo sito: RISPONDI AL QUESTIONARIO