1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu fondo pagina di navigazione
Contenuto della Pagina
condividi

Il sottosuolo di Napoli

un'immagine della grotta di Seiano

Al di sotto della brulicante metropoli che è la Napoli odierna, sotto le caratteristiche strade del centro urbano, a tantissimi metri di profondità, si trova un mondo a parte parallelo a quello emerso, per molti versi non del tutto esplorato e isolato in un silenzio millennario.

Napoli è città straordinaria anche nelle sua sotterraneità, nelle lontanissime fondamenta, nelle cave di tufo, negli antichi acquedotti, nelle caverne, ipogei, dove è possibile rintracciare una storia di paganesimo e cristianità, di riti isiaci e lunari, di alchimisti e scienziati, di misteri irrisolti, insieme ad una più recente storia di fughe in ricoveri antiaerei.

La visita a questa città "altra" è importante per capire come si è evoluta Napoli, come il lavorìo nascosto di antiche generazioni abbia reso possibile lo sviluppo della città così come è oggi. Un dedalo di sotterranei dove è possibile rintracciare vestigia di società ellenistiche, greco-romane, medievali, sino ad arrivare alle ultime testimonianze sette-ottocentesche.
Uno degli esempi più interessanti del sottosuolo napoletano è costituito dalla rete idrica. Grandi ingegneri ed urbanisti, i Romani dotarono la città di una serie complessa di acquedotti, alimentata da condotti sotterranei provenienti dalle sorgenti del Serino, a 70 Km di distanza dal Centro di Napoli.

Altri rami dell'acquedotto giunsero fino a Miseno, per alimentare la famosa Piscina Mirabilis, che fu la riserva d'acqua della flotta romana. Accanto a questi prodigi architettonici il sottosuolo di Napoli assume una valenza importantissima per quanto attiene il culto dei morti. Cimiteri sotterranei, ipogei e vere e proprie cavità tufacee nascoste, dimostrano che anche attraverso il culto dei defunti la città rivelava il suo volto particolarmente misterico, intriso di credenze popolari e riti al limite del paganesimo.

Tali culti s'innestano con il senso della religione e della devozione in maniera molto forte, spesso individuando gli stessi defunti come fonti di preghiere e intercessioni talvolta anche di miracoli nei confronti del Soprannaturale.

 
 
Valuta questo sito: RISPONDI AL QUESTIONARIO