1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu fondo pagina di navigazione
Contenuto della Pagina
condividi

Prosecuzione avviso di allerta meteo per fenomeni meteorologici avversi previsti dalle ore 20:00 di mercoledì 2 dicembre 2020 e fino alle ore 18:00 di giovedì 3 dicembre 2020, salvo ulteriori valutazioni

 

Avviso del 02/12/2020

 

Il Sindaco di Napoli Luigi de Magistris ha firmato un'Ordinanza contingibile ed urgente per la Chiusura delle scuole cittadine per il giorno 3 dicembre 2020 causa previste avverse condizioni meteo.
Nel provvedimento del primo cittadino si premette che, oggi, la Sala Operativa Regionale Unificata (S.O.R.U.) di Protezione Civile della Regione Campania ha diramato l’avviso di allerta n. 45/2020 per previste condizioni meteorologiche avverse.

Nell'ordinanza, inoltre, si prende atto che nell’ordinanza sindacale n. 619 del 01/12/2020, con la quale è stata disposta per la giornata di oggi mercoledì 2 dicembre 2020 la chiusura delle scuole cittadine di ogni ordine e grado, compresi gli asili nido, ci si è riservati di prorogare la chiusura anche per la giornata di giovedì 3 dicembre alla luce dell’evoluzione dello stato di allerta e che l’avviso odierno di allerta conferma fino alle ore 18:00 di domani giovedì 3 dicembre lo stesso livello di criticità “arancione” e la stessa tipologia di rischio “diffuso”  e si sottolinea inoltre che il dirigente del Servizio tecnico scuole ha confermato le medesime valutazioni di ieri circa la correlazione del rischio a problematiche territoriali di natura idrogeologica, stante l’assenza di segnalazioni di problematiche strutturali per le strutture scolastiche, tali da impedirne l'uso in sicurezza.
Pertanto il rischio per la platea scolastica in presenza (fascia 0/6 scuola dell'infanzia e prima elementare) è sempre da individuarsi nel percorso casa – scuola, in particolar modo nelle aree cittadine più vulnerabili per criticità idrogeologiche connesse alla fragilità del territorio, in particolare del patrimonio arboreo cittadino, della stabilità di pali, segnaletica o impalcature anche in prossimità delle aree esterne pertinenziali agli edifici scolastici.
Nell'ordinanza, inoltre, si fa riferimento  alla determinazione confermata dal dirigente competente di procedere alla chiusura delle scuole, a tutela della popolazione scolastica attualmente in presenza, anche per la giornata di domani 3 dicembre 2020, fatto salvo la possibilità del dirigente scolastico di consentire l'accesso al personale amministrativo, tecnico e ausiliario e si ritiene pertanto, in via prudenziale, di dover prorogare per domani 3 dicembre 2020 provvedimenti contingibili ed urgenti atti a scongiurare il pericolo anzidetto a tutela dell’integrità fisica della popolazione cittadina più fragile.
Il provvedimento del Sindaco, quindi, ordina, per la giornata di domani giovedì 3 dicembre 2020, su tutto il territorio cittadino, la chiusura degli edifici pubblici e privati ad uso scolastico, di ogni ordine e grado, compresi gli asili nido a tutela della platea scolastica in presenza  e dispone di consentire comunque la possibilità di accesso negli istituti scolastici ai dirigenti e al personale dagli stessi individuato per eventuali specifiche necessità, invitando la popolazione tutta ad attenersi alle norme comportamentali di prudenza e cautela previste in caso di avviso di allerta meteo per rischio idrogeologico e forti raffiche di vento.

Oltre a quanto disposto con la richiamata ordinanza si comunica che i parchi pubblici cittadini resteranno chiusi per l'intera giornata di domani 3 dicembre.

 
Fenomeni rilevanti:
Precipitazioni da sparse a diffuse, anche a carattere di rovescio o temporale, localmente di moderata o forte intensità, ma in attenuazione dalla tarda mattinata di giovedì, 03 dicembre 2020. Raffiche, soprattutto nei temporali.

Livello di ALLERTA: ARANCIONE (moderata)

Tipologia di rischio:
Idrogeologico diffuso

Principali scenari di evento ed effetti al suolo:
- instabilità di versante, localmente anche profonda, frane superficiali e colate rapide di detriti o di fango;
- significativi ruscellamenti superficiali, anche con trasporto di materiale, possibili voragini per fenomeni di erosione;
- allagamenti di locali interrati e di quelli a pian terreno;
- innalzamento dei livelli idrometrici dei corsi d’acqua minori, con fenomeni di inondazione delle aree limitrofe, anche per effetto di criticità locali (tombature, restringimenti, occlusioni delle luci dei ponti);
- scorrimento superficiale delle acque nelle strade e possibili fenomeni di rigurgito delle acque piovane con tracimazione e coinvolgimento delle aree urbane depresse;
- occasionali fenomeni franosi e possibili cadute massi per condizioni idrogeologiche fragili, per effetto anche della saturazione dei suoli, anche in assenza di precipitazioni.

 

Avviso del 01/12/2020

 
Mercoledì 2 dicembre chiuse scuole e parchi
Il sindaco de Magistris ha firmato l'ordinanza Sindacale con la quale viene stabilita, a seguito dell'allerta meteo arancione della Protezione Civile Regionale, la chiusura per domani, mercoledì 2 dicembre, di tutte le scuole pubbliche e private di ogni ordine e grado, compresi gli asili nido, riservandosi di prorogare la chiusura anche per giovedì 3 dicembre alla luce dell'evoluzione dello stato di allerta. Saranno inoltre chiusi tutti i parchi pubblici cittadini. 
 
Fenomeni rilevanti:
Precipitazioni da sparse a diffuse, anche a carattere di rovescio o temporale, localmente di moderata o forte intensità. Raffiche nei temporali

Livello di ALLERTA: ARANCIONE (moderata)

Tipologia di rischio:
Idrogeologico diffuso

Principali scenari di evento ed effetti al suolo:
- Instabilità di versante, localmente anche profonda, frane superficiali e colate rapide di detriti o di fango;
- Significativi ruscellamenti superficiali, anche con trasporto di materiale, possibili voragini per fenomeni di erosione;
- Allagamenti di locali interrati e di quelli a pian terreno;
- Innalzamento dei livelli idrometrici dei corsi d’acqua minori, con fenomeni di inondazione delle aree limitrofe, anche per effetto di criticità locali (tombature, restringimenti, occlusioni delle luci dei ponti);
- Scorrimento superficiale delle acque nelle strade e possibili fenomeni di rigurgito delle acque piovane con tracimazione e coinvolgimento delle aree urbane depresse;
- Occasionali fenomeni franosi e possibili cadute massi per condizioni idrogeologiche fragili, per effetto anche della saturazione dei suoli.
 
 
 
 

Norme comportamentali in caso di avviso di allerta meteo per forti raffiche di vento

- Prestare attenzione in prossimità di alberi e strutture verticali per l'eventuale caduta di rami, alberi, pali, segnaletica o impalcature e, in ogni caso, segnalare l'eventuale stabilità precaria di tali elementi anche in situazioni ordinarie, dandone comunicazione ai numeri di emergenza 112, 113, 115;  

- Assicurare stabilmente o rimuovere da finestre e balconi elementi mobili quali piante, coperture, strutture provvisorie o qualsiasi oggetto che possa essere trasportato via dal vento; 

- Osservare particolare prudenza negli spostamenti limitandoli a quanto strettamente necessario.
 

Norme comportamentali in caso di avviso di allerta meteo per fenomeni idrogeologici rilevanti

- Evitare di frequentare locali interrati o posti a pian terreno,  principalmente se lungo assi stradali notoriamente interessati da  grossi deflussi idrici e comunque tenere costantemente monitorato il  livello delle acque di deflusso. In caso di allagamento staccare  subito l'energia elettrica;

- In caso di necessità di attraversare in auto un sottopasso stradale,  sito critico in occasione di allerta meteo, procedete con molta  cautela, verificandone la praticabilità e, in caso contrario, datene  immediata comunicazione ai numeri di emergenza 112, 113, 115.

- Si invita la cittadinanza a prestare la massima attenzione nei siti  già segnalati per il rischio idrogeologico (versanti e pendii per  possibili frane e smottamenti) e idraulico (sottopassi e aree di  collettori fognari per possibili allagamenti).

l sottopassi ed i siti cittadini oggetto di attenzione, eventualmente  interdetti in caso di forte pioggia, sono i seguenti:
1. Sottopasso di Via Claudio/Stadio San Paolo (lato sx) (Fuorigrotta)
2. Sottopassi di Viale dei Ciliegi (Chiaiano)
3. Sottopasso di via Vicinale Cupa San Severino/Via Antonio de  Ferraris (Poggioreale)
4. Sottopasso di Via Comunale San Severino/Via Fasano (Poggioreale)
5. Sottopasso di Via Enrico Russo (Barra)
6. Sottopasso di Via Mastellone (Barra)
7. Sottopassi del Centro Direzionale di Napoli (Poggioreale)
8. Arena S.Antonio altezza Via Ben Hur (Soccavo)

Specifica delle "Zone d'Interesse":

Zona 1: Piana Campana, Napoli, Isole, Area Vesuviana;
Zona 2: Alto Volturno e Matese;
Zona 3: Penisola Sorrentino-Amalfitana, Monti di Sarno e Monti Picentini;
Zona 4: Alta Irpinia e Sannio;
Zona 5: Tusciano e Alto Sele;
Zona 6: Piana Sele e Alto Cilento;
Zona 7: Tanagro;
Zona 8: Basso Cilento.


 
Valuta questo sito: RISPONDI AL QUESTIONARIO