1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu fondo pagina di navigazione
Contenuto della Pagina
condividi

artperformingfestival®

Quinta edizione 2020. CLIMA – Il mondo che verrà

Castel dell’Ovo, dal 26 settembre al 10 ottobre. Inaugurazione sabato 26 settembre ore 17.00

 
 
immagine locandina

artperformingfestival® nasce nel 2016 come format indipendente, con la volontà di scegliere gli artisti provenienti dai
circuiti nazionali ed internazionali delle arti visive e della performance, in base all’attualità dei linguaggi e delle sperimentazioni.
La scelta del tema “CLIMA – Il Mondo che verrà” per la V edizione risponde all’esigenza di affrontare in maniera concreta il problema più rilevante per le generazioni future. Già nelle quattro edizioni precedenti l’aspetto ambientale ha avuto un ruolo rilevante nella scelta del curatore dei 250 artisti che hanno prodotto opere e performance atte a sottolineare con forza una presenza attenta e critica verso la condizione di sostenibilità dell’ecosistema.

Non è solo una questione estetica, ma politica e sociale, attivarsi per formare, soprattutto nelle generazioni più giovani, una coscienza collettiva più sensibile alle tematiche ecologiche e sociali che affliggono la società odierna.
Obiettivo primario della manifestazione è stato quello di costruire negli gli anni un appuntamento internazionale, facendo emergere giovani di talento e favorendo il loro incontro con artisti e curatori d’arte nazionali ed internazionali.

Il Festival ha inoltre l’ambizione di creare una vetrina di qualità per presentare agli artisti internazionali la vera accoglienza e le
capacità organizzative che la città di Napoli e la nostra Regione possono offrire, con una forte ricaduta sulle attività produttive e commerciali, soprattutto nei settori della cultura, del turismo, dell’accoglienza e della ristorazione.

artperformingfestival agirà sul territorio, con collaborazioni e partenariati con le scuole, le Università, gli Ordini professionali, le imprese impegnate nelle rinnovabili e traccerà in città un percorso virtuoso, di luoghi ed eventi di impatto, che coinvolgano attivamente gli attori cittadini, verso la costruzione di una rete coesa.

Protagonisti della V edizione saranno i monumenti napoletani con Castel dell’Ovo e la Galleria Principe di Napoli, la Napoli Sotterranea per scendere nel “ventre” della nostra Madre Terra e i luoghi della storia cittadina,  l’Ippodromo di Agnano e Palazzo Caracciolo. E’ prevista la presenza di circa 25.000 visitatori.  La platea sarà così composta: rappresentanti delle Istituzioni, giornalisti di settore, imprenditori, gruppi di studenti, cittadini, turisti, nonché tutti quei soggetti che, a vario titolo, operano nel
campo della cultura e dell’arte (artisti, curatori d’arte, rappresentanti di gallerie d’arte, società ed associazioni che operano nella promozione turistico-culturale).

Grazie alle convenzioni con l’Accademia di Belle Arti e le Università campane, nonché con le Associazioni di Giovani del territorio, è prevista, sia come visitatori della mostra, che nel corso di whorkshop dedicati, la presenza di docenti, studenti e stagisti nelle discipline delle arti visive, dell’ecologia e della Green Economy.

 
Valuta questo sito: RISPONDI AL QUESTIONARIO