1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu fondo pagina di navigazione
Contenuto della Pagina
condividi

Commissione europea. Emergenza COVID.

immagine di due persone trasmissione 22 minuti

Mascherine: facciamo chiarezza.

Questa crisi tanto inattesa quanto devastatrice, ha richiesto una mobilitazione decisa, rapida e concreta. Questa crisi riguarda ognuno di noi. Colpisce la salute dei nostri cari, mette in pericolo la sopravvivenza delle nostre aziende e sconvolge le vite di centinaia di milioni di persone.
La Commissione europea è parte di questa mobilitazione generale e continueremo ad usare tutti i mezzi a nostra disposizione per mitigare le conseguenze della pandemia sulla salute dei nostri cittadini, sui nostri sistemi sanitari e sull’economia.
La priorità assoluta non può che essere quella di salvare il maggior numero di vite possibile. È per questo motivo che il Commissario all’industria Thierry Breton sta lavorando ormai da settimane a stretto contatto con le autorità italiane e degli altri Paesi e con l’industria per assicurare scorte sufficienti di materiale protettivo e attrezzatura medica, in particolare per i medici e gli infermieri in prima linea in tutta Europa.
Per questo, fin dai primi giorni di questa crisi, non appena è stato chiaro che la produzione esistente in Europa di maschere, guanti, disinfettanti e ventilatori non sarebbe stata sufficiente a far fronte all’emergenza, la Commissione europea ha attivato canali con Paesi terzi, coordinato la creazione e la gestione di uno stock europeo di materiale protettivo e medico e lanciato numerose procedure di acquisto di materiale a livello europeo. Inoltre, la Commissione ha lanciato un appello a tutta l’industria europea per creare una filiera in Europa che fosse in grado di rispondere alle richieste dei nostri sistemi sanitari sempre più sotto pressione. Il coordinamento tra autorità pubbliche e la risposta dell’industria a questo appello sono stati eccezionali.
(…)
Questa crisi ha evidenziato una dolorosa dipendenza dell’Europa da partner internazionali riguardo materiali e tecnologie essenziali. La riconversione in corso delle nostre aziende per far fronte all’emergenza attraverso una filiera europea è non solo una necessità dettata dall’urgenza del presente, ma sarà una lezione importante per il futuro industriale dell’Europa. Così come oggi nessun Paese da solo può dare una risposta efficace e immediata a questa pandemia, allo stesso modo domani sarà essenziale continuare a essere uniti, a livello europeo, per ricostruire insieme la nostra autonomia strategica.

Vito Borrelli
Capo f.f. della Rappresentanza in Italia della Commissione europea

 
 
Valuta questo sito: RISPONDI AL QUESTIONARIO