1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu fondo pagina di navigazione
Contenuto della Pagina

seduta consiliare del 26 maggio ore 10.00


sintesi giornalistica del 26 maggio
resoconto stenotipico del 26 maggio
radionotiziario del 26 maggio
Radio notiziario del Consiglio comunale. Dall'Ufficio Stampa del Consiglio comunale un cordiale saluto agli ascoltatori RADIO NOTIZIARIO DEL 26 maggio 2010 "Abbiamo scelto di riunirci in forma solenne perché vogliamo essere in prima linea nel promuovere quell'etica civile altruistica che è alla base della donazione e che può consentire a tante persone di continuare a vivere quando sono colpite da gravi malattie". Questa l'introduzione del Presidente Leonardo Impegno , in occasione del Consiglio comunale solenne per sostenere la Giornata nazionale della donazione e del trapianto di organi, in programma il 30 maggio. Nell'anno 2009, 56 sono stati i trapianti di fegati, 85 di reni e 25 di cuore: questi i dati riportati dal vice Presidente Vito Lupo. In Campania si registra un alto tasso di mortalità, a causa dei lunghi tempi di attesa. Proprio per questo, l'amministrazione ha deciso di sostenere e promuovere la cultura della donazione, anche attraverso la diffusione della formazione all'interno delle scuole, rappresentate in aula da Maria Caterina Sgambati, dell'ufficio scolastico regionale. "Uno dei problemi principali per la donazione degli organi è la diffidenza - ha spiegato Fulvio Calise, direttore di uno dei centri di trapianto di fegato del Cardarelli- perché poco chiaro è il concetto di morte cerebrale". In questo ambito, la legge italiana è altamente garantista: il decesso viene dichiarato da tre medici, dopo 6 ore di osservazione. A seguito degli interventi del Presidente Carlo Lamura, di Giuseppe Zuccatelli, sub commissario alla Sanità in Campania, e l'assessore Ponticelli, hanno portato in aula la propria testimonianza il consigliere comunale Salvatore Galiero, Gennaro Biondi e Angelo Addeo. "Come ha ricordato il Presidente Napolitano,- ha affermato il primo cittadino- in occasione della giornata nazionale dei trapianti, la donazione degli organi è la più alta espressione di solidarietà, che è uno dei principi fondamentali del nostro ordinamento giuridico". In chiusura il sindaco Rosa Iervolino Russo ha sottolineato l'importanza delle novità annunciate ieri dal Ministro della salute: la possibilità per i cittadini di indicare sulla carta di identità l'eventuale consenso alla donazione; l'estensione ai donatori di organo di permessi per il lavoro riconosciuti ai donatori di sangue; l'opportunità di donazioni tra viventi anche al di fuori della famiglia (donazioni samaritane). E' tutto. Dall'Ufficio Stampa del Consiglio comunale un cordiale a risentirci. Per ulteriori notizie sull'attività del Consiglio comunale consultare il sito www.comune.napoli.it Per segnalazioni la nostra mail è consiglio.stampa@comune.napoli.it Radio notiziario del Consiglio comunale. Dall'Ufficio Stampa del Consiglio comunale un cordiale saluto agli ascoltatori RADIO NOTIZIARIO DEL 26 maggio 2010 "Abbiamo scelto di riunirci in forma solenne perché vogliamo essere in prima linea nel promuovere quell'etica civile altruistica che è alla base della donazione e che può consentire a tante persone di continuare a vivere quando sono colpite da gravi malattie". Questa l'introduzione del Presidente Leonardo Impegno , in occasione del Consiglio comunale solenne per sostenere la Giornata nazionale della donazione e del trapianto di organi, in programma il 30 maggio. Nell'anno 2009, 56 sono stati i trapianti di fegati, 85 di reni e 25 di cuore: questi i dati riportati dal vice Presidente Vito Lupo. In Campania si registra un alto tasso di mortalità, a causa dei lunghi tempi di attesa. Proprio per questo, l'amministrazione ha deciso di sostenere e promuovere la cultura della donazione, anche attraverso la diffusione della formazione all'interno delle scuole, rappresentate in aula da Maria Caterina Sgambati, dell'ufficio scolastico regionale. "Uno dei problemi principali per la donazione degli organi è la diffidenza - ha spiegato Fulvio Calise, direttore di uno dei centri di trapianto di fegato del Cardarelli- perché poco chiaro è il concetto di morte cerebrale". In questo ambito, la legge italiana è altamente garantista: il decesso viene dichiarato da tre medici, dopo 6 ore di osservazione. A seguito degli interventi del Presidente Carlo Lamura, di Giuseppe Zuccatelli, sub commissario alla Sanità in Campania, e l'assessore Ponticelli, hanno portato in aula la propria testimonianza il consigliere comunale Salvatore Galiero, Gennaro Biondi e Angelo Addeo. "Come ha ricordato il Presidente Napolitano,- ha affermato il primo cittadino- in occasione della giornata nazionale dei trapianti, la donazione degli organi è la più alta espressione di solidarietà, che è uno dei principi fondamentali del nostro ordinamento giuridico". In chiusura il sindaco Rosa Iervolino Russo ha sottolineato l'importanza delle novità annunciate ieri dal Ministro della salute: la possibilità per i cittadini di indicare sulla carta di identità l'eventuale consenso alla donazione; l'estensione ai donatori di organo di permessi per il lavoro riconosciuti ai donatori di sangue; l'opportunità di donazioni tra viventi anche al di fuori della famiglia (donazioni samaritane). E' tutto. Dall'Ufficio Stampa del Consiglio comunale un cordiale a risentirci. Per ulteriori notizie sull'attività del Consiglio comunale consultare il sito www.comune.napoli.it Per segnalazioni la nostra mail è consiglio.stampa@comune.napoli.it

ordine dei lavori e sintesi esito

Oggetto
Sintesi esito
seduta solenne del consiglio comunale sulla donazione degli organi
 
 
 
 

ordini del giorno e mozioni approvate

riferimento delibera
ordini del giorno
mozioni
 
 
 
 
 
 
Valuta questo sito: RISPONDI AL QUESTIONARIO