1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
Comune di Napoli
  1. Previsioni Meteo
  2. Versione stampabile della pagina
  3. Mappa del sito
  4. Switch to english language
Home » Eventi del Comune » Napoli Expò Art POLIS

Contenuto della pagina

Napoli Expò Art POLIS

Transiti storici e contemporanei

Dal 27 luglio al 31 agosto 2015 al PAN

 

Pittura-scultura-fotografia-video arte-installazioni-architettura, danza contemporanea-cortometraggio d'arte-design/moda e tendenze
Idea, progetto e direzione artistica a cura di Daniela Wollmann e Gianni Nappa
Associazione Culturale: RivoluzionART/creativiATTIVI con GESIN group service

 
 
 

Un evento prima di tutto!
Un avvenimento unico nell'anno dell'Expo di Milano nel mese di agosto, per eccellenza il mese vacanziero, ma anche quello dei transiti in città di migliaia di viaggiatori alla scoperta della città. Napoli Expo Art polis è un contenitore delle pulsioni che dal basso fanno vivere la città d'arte e idee, di creatività e linguaggi contemporanei, di eccellenze nei vari campi della comunicazione, del movimento e dell'immagine. Non una mostra, non una esposizione ma un insieme di bellezze, da vedere e capire, ma anche da attraversare come un ideale percorso di conoscenza di quello che in questo momento storico la città produce. Saper cooptare il turismo di qualità interessato alla cultura, e poter essere artefici di una offerta che sappia coniugare le esigenze di visibilità e quelle della qualità nascosta. Nel passaggio dalle avanguardie al contemporaneo secondo Jean-Christophe Bailly  «è non solo ciò che è depositato nel tempo contemporaneamente a noi, ma ciò che, nel depositarsi, è sufficientemente originale da creare una fenditura, attraverso cui vedere o intravedere la forma percettibile di un' epoca». Ancor più radicalmente, il filosofo Arthur Danto con "Dopo la fine dell' arte" (1997, ma in edizione italiana solo nel 2008) teorizzò, con i metodi della filosofia analitica, il passaggio dall' ideale classico al quotidiano, che ha il suo punto di non ritorno, la sua «frattura profonda», nell' opera di Duchamp e poi di Warhol.

Un mese di esposizioni. performances, serate a tema con un offerta continua, pieno di emozioni

- i tipi, i caratteri, nuova genia Mediterranea
- habitat  tra nuova visione e bisogno di salvaguardia
- transiti storici gli artefici / i visionari
- l'occhio  dei video attenti e pronti a cogliere i cambiamenti in atto/ sperimentalzone

Continua a leggere il comunicato stampa

 
 
 
 
 
 
Area riservata
  1. Digg
  2. Technorati
  3. Aggiungi ai Preferiti