1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
Comune di Napoli
  1. Previsioni Meteo
  2. Versione stampabile della pagina
  3. Mappa del sito
  4. Switch to english language
Home » Turismo e Cultura » Parco archeologico Pausylipon

Contenuto della pagina

Parco archeologico Pausylipon

 
 
scavi archelogici dell'anfiteatro circondato da alberi
particolare del parco archeologico

Con gli interventi di recupero attivati da tempo dalla Soprintendenza Archeologica di Napoli e Caserta e con il contributo del Comune di Napoli, un primo nucleo del grande parco archeologico del Pausylipon Ŕ stato riaperto al pubblico in maniera stabile grazie all'impiego di personale comunale, di lavoratori socialmente utili e di soci cooperatori.
L'itinerario, estremamente affascinante e suggestivo, inizia dall'accesso ubicato alla estremitÓ della discesa Coroglio, dove si apre la monumentale Grotta di Seiano: una meravigliosa galleria artificiale che attraversa con un traforo di circa 770 metri la collina tufacea di Posillipo congiungendo l'area di Bagnoli e dei Campi Flegrei con il vallone della Gaiola.
Il percorso del lungo antico passaggio, realizzato circa due millenni fa dall'architetto Seiano, celebre ministro di Tiberio, e rinforzato in epoca Borbonica, si snoda nell'affascinante penombra della galleria attraversata nella parte terminale dalla sfolgorante luce che si irradia dai cunicoli laterali posti a strapiombo sulle bellissime cale che offrono un panorama mozzafiato.
La riscoperta della galleria, di cui dopo il XVI secolo si era perso il ricordo, avvenne nel maggio del 1840.

 
grotta seiano
grotta seiano

Superata la grotta si giunge, attraverso un sentiero fiancheggiato dalla tipica vegetazione mediterranea, nell'area della villa che Vedio Pollione, ricco cavaliere romano legato ad Ottaviano Augusto, volle chiamare con una denominazione di derivazione greca "Pausylipon", ossia "luogo che fa cessare gli affanni", descrivendo in tal modo in maniera mirabile l'incanto e la bellezza del sito detto appunto Posillipo.
 
Una villa molto articolata, ampliata per soddisfare le esigenze di una residenza imperiale, la cui totale estensione potrÓ essere evidenziata solo al termine della ulteriore campagna di scavo tuttora in corso da parte della Soprintendenza Archeologica e che ha come obiettivo quello di restituire alla pubblica fruizione l'intero parco archeologico-ambientale del Pausylipon.
L'area contiene straordinari resti archeologici di un teatro con una splendida struttura, con 13 ordini di sedili nella prima cavea e 6 in quella media e una capienza complessiva di duemila posti, costruita sfruttando il pendio naturale della collina secondo una tecnica tipica dei teatri greci. Sul versante opposto si ammirano i resti dell'Odeion, l'antico teatro coperto destinato ad audizioni di poesia retorica o di musica, con una piccola cavea posizionata frontalmente al Teatro grande.
Altre pregevoli testimonianze di tale importante sito, passato dopo la morte di Vedio Pollione (15 a.C.) al demanio imperiale, sono i ritrovamenti archeologici del Tempio o Sacrarium posto ad oriente del teatro e del Ninfeo posizionato nella zona occidentale.

 
 
 

ModalitÓ di fruizione
Parco Archeologico Pausylipon. Discesa Coroglio n. 36
Il Parco Archeologico si pu˛ visitare gratuitamente tutti i giorni dal lunedý al sabato, tranne i festivi, esclusivamente su prenotazione:
- telefonando al numero 081.2301030, dalle ore 10,00 alle 13,00
- inviando un fax al numero 081.2301030
- scrivendo alle mail sottoelencate e indicando un recapito telefonico:
grottadiseiano@comune.napoli.it,
patrimonio.artistico.beniculturali@comune.napoli.it.
Le visite partono alle ore 09,30 - 10,30 - 11,30 con gruppi di max 40 persone.
A cura del Servizio Patrimonio Artistico e Beni Culturali - U.O. 

Comunicazione - tel: 0817957704
Dirigente - Dr. Fabio PascapŔ.

 
 
 
 
 
 
 
Area riservata
  1. Digg
  2. Technorati
  3. Aggiungi ai Preferiti