1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu fondo pagina di navigazione
Contenuto della Pagina
condividi

DIA alimentare

Chiunque intende avviare un'attività di produzione, trasformazione, trasporto, magazzinaggio, somministrazione e vendita di alimenti deve notificare una DIA (dichiarazione di inizio attività) al Comune - Servizio Tutela della Salute. La DIA deve essere altresì notificata  in tutti i casi di variazioni oggettive e soggettive (variazione dello stato dei luoghi, delle attrezzature, della titolarità etc) La pratica viene trasmessa al Dipartimento di Prevenzione dell'ASL NA 1 per la registrazione.
 
L'attività del Comune è limitata alla ricezione della DIA e alla sua trasmissione. Tutto il procedimento inerente la medesima DIA è di competenza dell'ASL individuata quale Autorità competente dall'art. 2 del D.lgs 193/07.
 
La DIA deve essere corredata dalla ricevuta di versamento su c.c. postale n. 27183805, intestato al Servizio Tesoreria - ASL Napoli 1 Centro, previsto dal tariffario approvato con decreto n. 3 del 3/1/11 del Commissario ad Acta per l'attuazione del Piano di Rientro del Settore Sanitario, pubblicato sul B.U.R.C. n. 10 del 14/2/11, secondo i seguenti importi:

  • di euro 60 registrazione O.S.A. e imprese alimentari;
  • di euro 80 DIA per sagre, fiere, feste paesane e similari;
  • di euro 20 aggiornamenti DIA con esclusione delle volture;
  • nel caso di DIA automezzo trasporto alimenti, euro 15 per registrazione del primo automezzo ed euro 10 per ogni successivo automezzo per lo stesso OSA.
 

come fare

 
Valuta questo sito: RISPONDI AL QUESTIONARIO