1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu fondo pagina di navigazione
Contenuto della Pagina
condividi

Reddito di cittadinanza

Novità sul reddito di cittadinanza

Il D.L. 28 gennaio 2019, n. 4 ha istituito a decorrere dal mese di aprile 2019 il Reddito di cittadinanza, quale misura fondamentale di politica attiva del lavoro a garanzia del diritto al lavoro, di contrasto alla povertà, alla disuguaglianza e all'esclusione sociale, nonché diretta a favorire il diritto all'informazione, all'istruzione, alla formazione e alla cultura attraverso politiche volte al sostegno economico e all'inserimento sociale dei soggetti a rischio di emarginazione nella società e nel mondo del lavoro.

 

A chi si rivolge

Al Reddito di cittadinanza (RdC) possono accedere le famiglie in possesso dei seguenti requisiti:

Requisiti di residenza e soggiorno

Il richiedente deve essere congiuntamente:

  • cittadino dell'Unione o suo familiare che sia titolare del diritto di soggiorno o del diritto di soggiorno permanente, ovvero cittadino di paesi terzi in possesso del permesso di soggiorno UE per soggiornanti di lungo periodo;
  • residente in Italia da almeno 10 anni, di cui gli ultimi due, in via continuativa, considerati al momento della presentazione della domanda.

Requisiti economici

Il nucleo familiare deve essere in possesso congiuntamente di:

  • un valore ISEE in corso di validità inferiore a 9.360 euro;
  • un valore del patrimonio immobiliare, in Italia e all'estero, diverso dalla casa di abitazione, non superiore ad una soglia di euro 30.000;
  • un valore del patrimonio mobiliare (depositi, conti correnti), non superiore a una soglia di euro 6.000, accresciuta di euro 2.000 per ogni componente il nucleo familiare successivo al primo, fino ad un massimo di euro 10.000, incrementato di ulteriori euro 1.000 per ogni figlio successivo al secondo; (i predetti massimali sono ulteriormente incrementati di euro 5.000 per ogni componente in condizione di disabilità e di euro 7.500 per ogni componente in condizione di disabilità grave o di non autosufficienza, come definite a fini ISEE, presente nel nucleo);
  • un valore del reddito familiare inferiore ad una soglia di euro 6.000; la soglia è incrementata ad euro 9.360 nei casi in cui il nucleo familiare risieda in abitazione in locazione, come da dichiarazione sostitutiva unica (DSU) ai fini ISEE.

Altri requisiti

Per accedere al RdC è inoltre necessario che ciascun componente del nucleo familiare:

  • non possieda autoveicoli immatricolati la prima volta nei 6 mesi antecedenti la richiesta, ovvero di cilindrata superiore a 1600 cc o motoveicoli di cilindrata superiore a 250 cc, immatricolati la prima volta nei 2 anni antecedenti la richiesta (sono esclusi gli autoveicoli e i motoveicoli per cui è prevista una agevolazione fiscale in favore delle persone con disabilità);
  • non possieda navi e imbarcazioni da diporto (art. 3, c.1, D.lgs. 171/2005).

Inoltre, per il richiedente il beneficio, è necessaria la mancata sottoposizione a misura cautelare personale, anche adottata a seguito di convalida dell'arresto o del fermo, nonché la mancanza di condanne definitive, intervenute nei dieci anni precedenti la richiesta, per taluno dei delitti indicati all'articolo 7, comma 3.

I cittadini di Stati non appartenenti all'Unione europea devono produrre apposita certificazione rilasciata dalla competente autorità dello Stato estero, tradotta in lingua italiana e legalizzata dall'autorità consolare italiana (in conformità a quanto disposto dall'articolo 3 del testo unico di cui al D.P.R. 28 dicembre 2000, n. 445 e dall'articolo 2 del regolamento di cui al D.P.R. 31 agosto 1999, n. 394), ai fini dell’accoglimento della richiesta del beneficio, nonché per comprovare i requisiti reddituali, patrimoniali e di composizione del nucleo familiare.

Tempi e le modalità di presentazione della domanda

La domanda potrà essere presentata dopo il quinto giorno di ciascun mese dall'interessato o da un componente del nucleo familiare, a partire dal 6 marzo 2019, presso Poste italiane, oppure in modalità telematica accedendo al portale www.redditodicittadinanza.gov.it, oppure presso i CAF convenzionati o gli istituti di patronato che potranno, pertanto, provvedere a:
- fornire informazioni ai cittadini residenti relativamente ai requisiti per l'accesso al beneficio del Reddito di cittadinanza;
- provvedere alla eventuale compilazione assistita della DSU per l'accesso al beneficio;
- rilasciare ricevuta di avvenuta presentazione della domanda con relativo numero di protocollo;
- provvedere alla eventuale compilazione assistita del modello Rdc/com.

Documentazione da presentare in sede di domanda

Per tutti i richiedenti:

  • certificazione ISEE in corso di validità al momento della domanda o documentazione utile al rilascio dell'ISEE;
  • fotocopia della carta di identità del richiedente.

Per il richiedente che non è cittadino italiano o comunitario:

  • certificazione attestante il diritto di soggiorno o diritto di soggiorno permanente se è familiare di cittadino italiano o comunitario e non ha la cittadinanza in uno stato membro;
  • permesso di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo;
  • documentazione attestante la condizione di rifugiato.

Normativa e allegati

 

Contatti utili

Il servizio competente per le questioni inerenti il Reddito di cittadinanza è il Servizio Programmazione Sociale, il quale si occupa sia della gestione dei Patti di inclusione sociale (Pais), sia delle questioni inerenti i controlli anagrafici e reddituali delle pratiche RdC.

Si indicano i seguenti indirizzi mail ai quali poter fare riferimento:
rdc@comune.napoli.it (per problematiche connesse al caso gestito dal Centro di Servizio sociale territoriale)
rdc.controlli@comune.napoli.it (per problematiche anagrafiche e reddituali del beneficiario/componente RdC)
redditodicittadinanza@pec.comune.napoli.it (indirizzo pec istituzionale)
Valuta questo sito: RISPONDI AL QUESTIONARIO