1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu fondo pagina di navigazione
Contenuto della Pagina
condividi

Paolo Ricci

logo della mostra

a cura di Mario Franco e Daniela Ricci
26 giugno - 18 ottobre 2008


A circa venti anni dalla scomparsa di Paolo Ricci, la mostra documenta l'opera e i molteplici interessi di un artista e di un intellettuale che ha rappresentato un importante punto di riferimento per la realtà di Napoli sin dagli anni trenta.

Dalla pittura alla scenografia, dalla fotografia al teatro, Paolo Ricci non si è limitato al fare arte, ma, in quanto artista-critico o critico artista non ha mai separato la teoria dall'arte, occupandosi di teatro, di cinema, di folklore e di canzone. La sua riflessione teorica si è concretizzata, inoltre, in una intensa produzione saggistica ed in un impegno giornalistico costante.

La mostra, a cura di Mario Franco e Daniela Ricci, è promossa dalla Regione Campania e dall'Assessorato alla Cultura del Comune di Napoli ed organizzata da Civita.

Circa 90 opere esposte in ordine cronologico, partendo dagli anni '20 alla fine degli anni '70 documentano l'opera di Paolo Ricci, esponendo i dipinti indicativi delle diverse fasi della sua ricerca: dalla partecipazione ai movimenti d'avanguardia al più accentuato espressionismo del vedutismo e dei ritratti, fino al periodo neorealistico del dopoguerra e a quello iperrealistico e neometafisico tra gli anni '60 e '70.

Al percorso pittorico si affiancherà la documentazione della sua esperienza scenografica e fotografica: bozzetti scenografici realizzati in particolare per Raffaele Viviani e per il Teatro San Carlo di Napoli; la sua produzione fotografica, che, tra l'altro, testimonia i suoi rapporti con artisti e letterati di tutto il mondo: da Max Ernst a Pablo Neruda, da Nazim Hikmet a Eduardo De Filippo, da Paul Eluard a Joris Ivens, Stephen Hermlin, Nicolas Guillen, fotografati spesso come ospiti nel suo studio di Villa Lucia.

Ad affiancare la mostra, è prevista anche l'organizzazione di un convegno di riflessione sulla sua esperienza di artista ed intellettuale meridionale nel contesto storico del Novecento, con l'obiettivo di indagare gli aspetti dei suoi molteplici interessi: critica d'arte, teatrale e cinematografica; attività di studioso del folklore e del mondo popolare napoletano, oltre che conoscitore approfondito della genesi e dell'evoluzione della camorra, che ha anticipato, negli anni Cinquanta, una moderna lettura sociologica del fenomeno.

Il catalogo, pubblicato da Electa, raccoglie i maggiori contributi critici che Paolo Ricci scrisse nella sua pluriennale attività.

 

CASTEL NUOVO

MASCHIO ANGIOINO
Piazza Municipio - 80133 Napoli 
Tel. 081-7957713 081-7957721
Biglietteria 081-7957722
 
COME SI RAGGIUNGE:
Zona Vomero: Funicolare Centrale (Piazzetta Fuga - Via Toledo)
Zona Centro: Autolinee urbane C55 (Corso Umberto - Via Depretis) ed R2 (Stazione Centrale - Piazza Trieste e Trento).
Zona Chiaia: R3 (Riviera di Chiaia - Piazza Municipio).
Linee tranviarie: 1 (Poggioreale - Via Marina)

Valuta questo sito: RISPONDI AL QUESTIONARIO