1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
Comune di Napoli
  1. Previsioni Meteo
  2. Versione stampabile della pagina
  3. Mappa del sito
  4. Switch to english language
Home » Eventi del Comune » Con gli occhi di Mario. Con Enrico, Napoli e la Campania

Contenuto della pagina

Con gli occhi di Mario. Con Enrico, Napoli e la Campania

100 scatti di Mario Riccio, per l'Unità, su Enrico Berlinguer, il Festival nazionale de l'Unità del 1976, il terremoto del 1980, le lotte politiche e sociali di quegli anni

La mostra fotografica CON GLI OCCHI DI MARIO, dedicata a Mario Riccio, che negli anni '70 e '80 è stato fotografo e giornalista de l'Unità a Napoli, attingendo al suo archivio e in sua memoria ripercorre circa venti anni
di vicende politiche, sociali e culturali della Città e della Regione.
 Nella mostra, promossa dalla rivista "Infiniti mondi" con la collaborazione dell'Assessorato alla Cultura e al Turismo del Comune di Napoli e del Consiglio Regionale della Campania, le fotografie di Mario Riccio diventano occasione per riflettere, con uno sguardo rivolto al futuro, sulla storia napoletana e campana degli anni '70 e '80, sulle lotte di quegli anni, sul terremoto del 1980 e soprattutto su Enrico Berlinguer nel suo rapporto con
questa terra.
Nella durata della mostra, l'Antisala dei Baroni del Maschio Angioino ospiterà incontri pubblici di riflessione e di confronto, sulla città, sulla sua storia, sui protagonisti di quegli anni, a partire dallo stesso Enrico Berlinguer, con gli attori e i protagonisti di oggi.
"Abbiamo messo a disposizione per questa mostra- ha dichiarato l'Assessore alla Cultura Nino Daniele -le sale del Maschio Angioino, il monumento simbolo di Napoli, poiché sappiamo che l'eredità di Mario Riccio non è un patrimonio di una parte, ma un bene comune della Città. Ringrazio dunque Infiniti mondi per questa occasione di riflessione sulla nostra città e sulla sua storia e, soprattutto, sulla figura di Enrico Berlinguer, un protagonista che avvertiva in tutta la sua portata la crisi delle ideologie e l'urgenza pressante che essa non travolgesse grandi idealità e facesse smarrire la consapevolezza della necessità di idee regolative, in grado di orientare grandi masse umane in cerca di dignità ed opportunità".
 
 
 
 
 
 
Area riservata
  1. Digg
  2. Technorati
  3. Aggiungi ai Preferiti