1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu fondo pagina di navigazione
Contenuto della Pagina

Presentazione del libro «Le pietre e i demoni di Napoli» di Maria Roccasalva

Lunedì 29 giugno, ore 17.00 | Convento di San Domenico Maggiore

Questo libro non una guida, non un saggio, nemmeno un romanzo: una citt che si racconta. E lo fa con la voce di una napoletana nata nei suoi vicoli; una voce che viene dal basso, dalle viscere cavernose dei suoi muri chiusi a qualsiasi penetrazione. Perch Napoli, questo mondo a parte - un mistero cosmico - non pu essere guardata dall'alto o dal fuori, con lo stetoscopio della scienza: bisogna viverla dall'interno del suo utero. E non per capirla o giustificarla, ma per prendere atto di una realt immutabile. Napoli non pu essere condannata n assolta: l'etica esclusa da questo microcosmo pagano, dove le passioni esplodono come il Vulcano che la tiene in ostaggio; dove l'eccesso ha trovato la sua misura e la follia la sua ragione. Si pu solo amarla assolutamente o assolutamente odiarla, e nell'uno o nell'altro caso senza un perch. questa la sua seduzione.

Questa citt cortigiana per finta, sfuggente e infida e inattingibile, che ha fatto della libert la sua veste e della ribellione la sua anima, non poteva essere raccontata se non in chiave metafisica, attribuendo agli esseri che la abitano e alle pietre, con le quali sono tutt'uno, il carattere dei demoni, i ribelli ab aeterno.
 
 
Copertina del libro
 
 
Maria Roccasalva, napoletana, scultrice, ha svolto attività di critico d'arte per i quotidiani «l'Unità» e «Paese Sera». Come autrice ha pubblicato: La Tebaidesovraffollata (1992) e Il giardino di carta (1994). Con l'editore Tullio Pironti ha pubblicato: Nowhere no war. Arte e artisti a Napoli 1974-1984 (2004), Intrigo a Costantinopoli(2008), Il Danubio non parla latino(2009), È notte anche per me (2010) e il volumetto Elogio dell'adulterio(2010). Del 2012 è A scuola dagli Ardenti (Guida Editore). Con la Tullio Pironti è in programmazione La Compagniadei Naufraghi.
Valuta questo sito: RISPONDI AL QUESTIONARIO