1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
Comune di Napoli
  1. Previsioni Meteo
  2. Versione stampabile della pagina
  3. Mappa del sito
  4. Switch to english language

Contenuto della pagina

Giornate per la cultura / 3-4-5 aprile 2013

 
 

Programma

Mercoledi 3 aprile
ore 9.00-10.00, iscrizioni e accoglienza
Atrio
ore 10.00, prima plenaria

Sala del Capitolo

Saluti del Sindaco Luigi de Magistris
Introduzione dell'assessore Antonella Di Nocera
Andrea Renzi legge alcuni brani dal libro di Salvatore Settis, Azione Popolare, Einaudi 2012
"Napoli e il pensiero. La cultura come bene comune nella città contemporanea. Cultura e Costituzione."
Interventi di Salvatore Settis, Aldo Masullo, Paolo Macry e Tomaso Montanari.
Partecipano l'assessore regionale Guido Trombetti, i rettori Massimo Marrelli, Lida Viganoni, Lucio D'Alessandro, la direttrice dell'Accademia di Belle Arti Giovanna Cassese, la direttrice del Conservatorio Elsa Evangelista, il direttore regionale Mibac Gregorio Angelini, i soprintendenti Teresa Cinquantaquattro, Giorgio Cozzolino, Fabrizio Vona e Monsignor Adolfo Russo della Curia Arcivescovile di Napoli
 
A seguire gli interventi degli iscritti on line.
Dal libro di Salvatore Settis, Azione Popolare, Einaudi 2012:
"In quella enorme differenza di durata e respiro tra la vita del singolo e quella della comunità risiede il dramma perpetuo del rapporto tra l'uomo e i mondo". Un dramma che si alleggerisce solo con la capacità responsabile - anche sancita dall'articolo 9 della nostra costituzione - di curare la cultura e il patrimonio come bene comune, come capacità lungimirante di guardare al futuro. Proprio l'articolo 9, "prescrivendo la promozione della cultura e della ricerca e la tutela del paesaggio e del patrimonio storico e artistico della nazione, congiunge in uno l'eredità del passato (il patrimonio), il mobile scenario della vita civile (il paesaggio) e la creatività per il futuro (ricerca e cultura)".

Light lunch offerto dallo chef Pietro Parisi / Vino: Movimento turismo del vino in Campania
 
Ore 15.00, tavoli di lavoro 
1. Vincere le separatezze: i giovani al centro e la cultura come responsabilità generazionale.
Refettorio Piccolo
Facilitatori: Massimiliano Virgilio, Francesco Piccinini

2. Il Centro storico patrimonio Unesco: base per una identità da condividere e per la cittadinanza culturale come azione civica.
Biblioteca
Facilitatori: Elena Coccia, Giancarlo Ferulano. Interviene Luigi De Falco
3. Economia della cultura. Nuovi modelli per la gestione di beni e attività culturali.
Sala del Capitolo
Facilitatori: Daniele Pitteri, Massimo Lo Cicero. Interviene: Massimo Marrelli
4. Napoli nell'immaginario attuale. La napoletanità come fattore psicologico ed esistenziale.
Spazio San Tommaso
Facilitatori: Gennaro Carillo e Sergio Marotta. Interviene: Emilia Leonetti

Giovedi 4 aprile
ore 9.00, seconda plenaria
Sala del capitolo
La cultura nei luoghi della città estesa: esperienze, progetti. I cittadini al centro.

Raccontare, analizzare e valorizzare esperienze ed identità che rappresentano punti focali di azione culturale sul territorio per un sentiero di sviluppo e crescita civile.
La cultura come forza per la comunità che affonda le radici nell'attività educativa, nella promozione sociale dove i talenti e le vocazioni territoriali dialogano con il tessuto urbano e ne rimodellano gli spazi. In questo ambito le esperienze dal basso generano prassi che diventano espressioni autentiche di riscatto e bellezza, che è conquista, ragion d'essere, senso di appartenenza. Compito delle istituzioni è di catalizzare energie, mettere in rete, creare opportunità, riconoscere il carattere di sistema che diventa forza propulsiva per la rigenerazione urbana. Alla base di queste spinte vi è la necessità di garantire usabilità degli spazi e beni culturali in una visione nuova di responsabilità civica e cittadinanza attiva.
 
Introducono: Carmine Piscopo e Maria Federica Palestino
Intervengono i protagonisti dei gruppi, le associazioni, in consorzi da:
-  Porta Capuana
-  Piazza Mercato
-  Montesanto - Tarsia
-  Napoli est
-  Rione Sanità
-  Scampia - Piscinola

E inoltre un contributo dai progetti a Forcella e dal coordinamento Le Scale di Napoli
Light lunch offerto da SIRE ricevimenti d'autore


Ore 15.00, tavoli di lavoro
Insediamento dei gruppi di lavoro per area

a) Beni culturali, musei e biblioteche, architettura, arte contemporanea, fotografia, arti visive
Refettorio Piccolo
Facilitatori: Luigi Amodio, Giovanna Cassese
b) Musica, Teatro, Danza, Cinema
Sala del Capitolo
Facilitatori: Alfredo D'Agnese, Raffaele Di Florio
c) Biblioteche, letteratura e editoria, culture digitali, formazione, divulgazione dei saperi
Biblioteca
Facilitatori: Antonella Agnoli, Simona Molisso, Attilio Wanderlingh

Tavola rotonda:
Sala del Capitolo
Alla ricerca di nuovi modelli di governance per cultura e creatività: ripensare le risorse e generare esiti trasparenti. La necessità della semplificazione. Il progetto Open data. Un quadro dei fondi 2014-2020.

Flavia Barca - esperto di economia dei media e della cultura; Daniela Castagno - Fondazione con il Sud; Antonio Oddati - Responsabile obiettivo Por Fesr Regione Campania La cultura come risorsa;
Luigi Veltro -Esperto fondi europei 2014-2020

A seguire, riunioni dei gruppi di lavoro con la partecipazione dei tecnici:
Costruire le linee di priorità: progetti e strumenti possibili
I Gruppi di lavoro proveranno a fare sintesi individuando linee strategiche di intervento e progetti significativi da proporre per il documento programmatico. I gruppi potranno presentare idee e proposte, avendo come interlocutori i tecnici della tavola rotonda.
Obiettivi
- costruire una piattaforma condivisa che rappresenti un indirizzo vincolante per le politiche pubbliche locali e regionali e immaginare dei percorsi semplificati di confronto e interlocuzione;
- proporre un ripensamento della governance della cultura e della creatività, a livello nazionale e locale (nei processi decisionali a cascata sul livello territoriale) e dunque delle risorse pubbliche (FUS, Fondi Strutturali) con una visione più moderna anche in linea non le tendenze che si stanno affermando in Europa (creative Europe, Networking) e con modelli certi di trasparenza del supporto pubblico;
- individuare settori produttivi e ambiti di collaborazione pubblico-privato su cui far convergere l'utilizzo dei fondi europei 2014-2020, la cui programmazione (anche se l'interlocutore principale resta la Regione) sarà in parte destinata all'utilizzo diretto delle città;
- elaborare alcune schede sintetiche, individuando pochi progetti strategici di rilievo nazionale, che potranno rappresentare la base per l'interlocuzione con il nuovo governo per determinare investimenti (luoghi fisici da trasformare, non nuove realizzazioni) e definire policies di gestione.
- condividere l'ipotesi di istituire un luogo di riferimento permanente dove le forze sociali e le reti istituzionali impegnate nell'attuazione delle politiche culturali a Napoli possano periodicamente confrontarsi in modo libero ma anche chiaramente finalizzato.


Venerdi 5 aprile
Ore 9.30, plenaria conclusiva
Sala del Capitolo
Racconto delle sessioni e verifica delle proposte elaborate nel corso delle
giornate: la parola ai facilitatori dei tavoli e ai referenti del gruppo trasversale aperto.

Confronto in plenaria.
Restituzione di un documento programmatico finale.

Il programma è suscettibile di modifiche e integrazioni sulla scorta delle iscrizioni e dei suggerimenti che perverranno in progress.

 
 

Contributi

 
 
 
L'ASSESSORATO ALLA CULTURA RINGRAZIA PER LA COLLABORAZIONE

- lo chef Pietro Parisi e il Consorzio Latte Nobile
- SIRE ricevimenti d'autore
- Movimento turismo del vino della Campania
- ADVERSA, EMMEDUE srl, ARCI MOVIE
- Accademia delle Belle Arti di Napoli
- Grand Hotel santa Lucia
- Conservatorio di Musica San Pietro a Majella
- Istituto Alberghiero Vittorio Veneto di Scampia
- Ordine degli Ingegneri della Provincia di Napoli
- Pio Monte della Misericordia
- Direzione regionale per i Beni culturali e paesaggistici della Campania
- Soprintendenza Beni Architettonici, Paesaggistici, Storici, Artistici ed Etnoantropologici Napoli e Provincia;
- Soprintendenza speciale per il BSAE e per il Polo museale della città di Napoli
- Carmen Cretoso, Ludovica della Volpe, Alessandro Guida, Flavia Palazzi, Maria Serena Scafuri, Valeria Vacca

 
 
 
 
 
 
 
Area riservata
  1. Digg
  2. Technorati
  3. Aggiungi ai Preferiti