1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
Comune di Napoli
  1. Previsioni Meteo
  2. Versione stampabile della pagina
  3. Mappa del sito
  4. Switch to english language
Home » Turismo e Cultura » Cultura » Sale espositive e spazi per meeting » Chiesa S. Severo al Pendino

Contenuto della pagina

Chiesa S. Severo al Pendino

 
 
altare in marmo con bassorilievo
particolare di un altare

In occasione del "Maggio dei Monumenti 1999" la chiesa venne restituita dopo cinquant'anni alla pubblica fruizione. I lavori di restauro e consolidamento, a cura della Soprintendenza per i Beni Ambientali e Architettonici di Napoli e provincia, iniziarono alla fine degli anni settanta.

La struttura Ŕ stata riportata all'architettura originaria, mettendo in luce le trabeazioni e i pilastri rinascimentali nascosti dagli stucchi ottocenteschi. San Severo fu edificata nel 1575 sull'antica chiesa con ospedale di Santa Maria a Selice, modificata e ristrutturata tra il 1599 ed il 1620 su disegno di Gian Giacomo Conforto.

L'interno presenta i caratteri architettonici tipici del Cinquecento, in cui si inseriscono gli altari settecenteschi in marmo policromo. Degno di nota Ŕ il monumento sepolcrale di Giovanni Alfonso Bisvallo, scolpito da Gerolamo D'Auria nel 1617, smembrato dal terremoto del 1688 e ricomposto nel restauro settecentesco nell'altare del transetto destro.

La fruibilitÓ della chiesa di proprietÓ comunale viene assicurata dal Servizio Patrimonio Artistico e Beni Culturali della IX Direzione Centrale Politiche Culturali del Comune di Napoli con personale comunale e lavoratori socialmente utili.
La pregevole navata della struttura ospita concerti, esposizioni temporanee e manifestazioni culturali consoni alla monumentalitÓ del luogo.

orario
dal lunedý al sabato ore 9.00-19.00

indirizzo
Via Duomo 286 - Tel. 081/7956423

come si raggiunge
dalla Stazione Centrale R2, C30, fermata in Piazza Nicola Amore;
CS partenza dal parcheggio Brin, fermata in Via Duomo

 
 

I numeri di San Severo

 
 
 
 
 
 
Area riservata
  1. Digg
  2. Technorati
  3. Aggiungi ai Preferiti