Comune di Napoli - Aree tematiche - Territorio - Pianificazione Urbanistica - Archivi - Cdc mostre - Napoli il nuovo piano regolatore
Contenuto della Pagina

NAPOLI IL NUOVO PIANO REGOLATORE

logo napoli il nuovo piano regolatore generale

Con la Variante al Piano regolatore generale per il centro storico, le zone orientale e nord - occidentale, approvata con decreto del Presidente della Giunta regionale n° 323/11 giugno 2004, si completano le previsioni urbanistiche sull'intero territorio comunale. Si chiude, infatti, la revisione del Prg iniziata con gli Indirizzi per la pianificazione urbanistica (ottobre 1994), proseguita con la Variante per la zona occidentale (aprile 1998) e la Variante di salvaguardia (giugno 1998).
Le finalità della nuova disciplina urbanistica consistono: nella tutela dell'integrità fisica e dell'identità culturale del territorio, con il restauro del centro storico e la valorizzazione delle aree verdi; nella riconversione delle aree dismesse in nuovi insediamenti integrati; nella riqualificazione delle periferie; nel miglioramento della dotazione dei servizi nei quartieri; nella riforma della mobilità intorno a una moderna rete su ferro, già in corso di realizzazione.
Prende corpo il progetto di una grande attrezzatura verde a carattere metropolitano, formata, su 3.500 ettari, dall'insieme di due parchi territoriali: quello delle Colline di Napoli -già istituito a giugno 2004- e quello del Sebeto.
Per i centri storici è introdotta una normativa che disciplina direttamente l'attività edilizia. Accurate analisi hanno consentito di classificare per tipi i fabbricati e gli spazi scoperti, associando a ognuno di essi la norma che stabilisce gli interventi ammessi e le utilizzazioni compatibili. L'obiettivo è restaurare i tessuti storici adeguandoli alle esigenze moderne, senza comprometterne le caratteristiche distintive.
La riqualificazione delle aree industriali è fondata su una superiore qualità ambientale e degli insediamenti, caratterizzati dalla produzione di beni e servizi, delocalizzando o riorganizzando impianti e infrastrutture incompatibili. Perno della riconfigurazione della zona orientale sarà il grande parco tra la piana agricola e il mare. Un altro parco di nuovo impianto costituisce il cuore della trasformazione delle aree dismesse di Bagnoli, prevista dalla variante per la zona occidentale.
La riqualificazione delle periferie punta sulla valorizzazione dei centri storici minori e dell'edilizia residenziale pubblica, a questo scopo sono individuati numerosi ambiti di trasformazione ed è prevista un'immissione diffusa di attrezzature, spazi pubblici e verde. Aprire la città al mare, a partire dall'area portuale antistante piazza del Municipio, è il tema di un piano di dettaglio per tutta la costa cittadina, dalla salvaguardia ambientale di Posillipo alla riqualificazione della costa orientale.

 

pannelli



avvertenza
Per visualizzare e stampare le singole tavole è necessario utilizzare Acrobat Reader. Attenzione, il tempo di visualizzazione dei files dipende dal loro peso, indicato a fianco di ciascuno, in Kb, e dai vari fattori che influenzano la connessione.