1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu fondo pagina di navigazione
Contenuto della Pagina
condividi

Mappa dei servizi socio-educativi per minori e per la famiglia

Mappa di tutti i Servizi e le attività che l'Assessorato alle Politiche Sociali del Comune di Napoli, attraverso il Servizio Politiche per l'Infanzia e l'Adolescenza, svolge a favore dei bambini, dei ragazzi e delle loro famiglie sul territorio cittadino.

Cliccando sulla relativa icona sarà possibile visualizzare indirizzi, contatti, giorni e orari di apertura ed altre informazioni utili. Cliccando sul link riportato, inoltre, si verrà rimandati alla relativa pagina internet del Sito del Comune con ulteriori indicazioni.
 

E' disponibile anche la mappa creata con lo strumento di Google, con foto ed informazioni.

 
 
1. Servizio Politiche Infanzia e Adolescenza. Gestisce e coordina tutte le attività, sia direttamente attraverso personale comunale, sia affidando a terzi lo svolgimento delle stesse mediante avvisi pubblici.  Presso il Servizio sono inoltre allocate Unità operative dedicate ad alcuni importanti compiti. Tra questi, la tutela dei minori fuori famiglia. Si tratta di bambini o ragazzi che trovano protezione presso strutture di accoglienza specializzate (non riportate sulla mappa) oppure in famiglie affidatarie appositamente selezionate e formate. 
2. Centri Servizi Sociali Territoriali. In ogni quartiere della nostra città c'è una sede del Servizio Sociale dove, professionisti formati, garantiscono la tutela del benessere sociale dei cittadini e delle famiglie. I Centri di Servizio Sociale costituiscono quindi lo snodo e l'interfaccia tra i cittadini, le famiglie, il sistema di interventi e i servizi messi in campo per rispondere ai bisogni. 
3. Progetto di Rete per la Prevenzione ed il Trattamento dell'Abuso e del Maltrattamento all'Infanzia. Prevede attività di prevenzione primaria e secondaria dell'abuso e del maltrattamento attraverso l'accertamento diagnostico e il trattamento dei minori vittime di abuso e/o maltrattamento, sia individualmente sia con la famiglia. 
4. Servizio di Conciliazione e Mediazione Penale Minorile. Il Servizio attua le disposizioni normative in materia di minori coinvolti in reati penali. Per la vittima, che nel processo penale minorile non può costituirsi come parte civile (art.10 del D.P.R. 448/88), la mediazione consente di esprimere in un contesto protetto il proprio vissuto personale rispetto all'offesa subita, di uscire da un ruolo passivo dando voce e visibilità alla propria identità personale. Al minore - autore del reato, la mediazione permette una responsabilizzazione sul danno causato e sulle possibilità di riparazione.
5. Tempo Libero, Aggregazione e Socializzazione. In alcune strutture comunali, si realizzano numerose progettualità che spesso, con modalità dinamiche ed interattive, raggiungono ogni angolo della Città.  Centro Polifunzionale S. Francesco di Assisi a Marechiaro. Si svolgono percorsi residenziali e semi-residenziali oltre alle attività estive per tutti i bambini e i ragazzi del nostro Comune. Il Centro inoltre, ospita il particolarissimo teatro dei burattini e delle ombre dove, caso unico in Italia, un maestro burattinaio dipendente comunale accoglie centinaia di ragazzi ogni anno. Palazzetto Urban di via Trinità delle Monache. Si realizzano numerose attività socio aggregative per i minori, ci sono spazi per Convegni e conferenze sui temi dell'infanzia e dell'adolescenza, spazi per le attività sportive. Ludoteca Cittadina di piazza Miracoli. Si trovano spazi, attrezzature ed attività ludiche non solo per i più piccini. Anche le scuole possono prenotare i loro percorsi.  Il progetto “Una Città per Giocare” porta invece il gioco e la sua cultura, in giro per tutta la città. In via Concezione a Montecalvario. Si trova Lib(e)ri per crescere, uno spazio per la promozione della lettura e della narrazione per e con i bambini, le loro famiglie e gli operatori sociali. 
6. Poli Territoriali per la Famiglia. Rappresentano uno spazio strutturato che ha come obiettivo principale, anche in una dimensione preventiva, la promozione del benessere nelle e delle famiglie. E' un servizio finalizzato anche al sostegno delle competenze genitoriali, incentivando tutti i processi che facilitano le relazioni familiari.
7. Centri diurni. L'Accoglienza nei Centri diurni socio-educativi è prevista per i minori che vivono in condizione di disagio personale e familiare e pertanto necessitano di un forte supporto educativo.
8. Laboratori di Educativa Territoriale. Centri diurni per l'aggregazione, la socializzazione, il supporto socio-educativo rivolti a minori da 8 a 16 anni appartenenti a famiglie in situazione di difficoltà socio-economica e/o a rischio di esclusione sociale. 
9. Percorsi di Autonomia Guidata. Si realizzano progetti dedicati all'accoglienza temporanea in soluzioni abitative specifiche, mediante la realizzazione di azioni in grado di recuperare e/o consolidare competenze sociali e lavorative e di attivare percorsi emancipativi per il raggiungimento di un sufficiente grado di autonomia. È previsto un percorso rivolto a madri sole con figli minorenni e per giovani neo-maggiorenni di genere femminile (tipologia A) e un percorso rivolto a padri soli con figli minorenni e per giovani neo-maggiorenni di genere maschile (tipologia b). 
10. Progetti per Adolescenti e Neomaggiorenni. Proposte Progettuali Innovative per la Valorizzazione e Partecipazione degli Adolescenti. Azioni innovative in relazione all'utilizzo del tempo libero e di spazi per la promozione del protagonismo e partecipazione degli adolescenti. Si tratta di luoghi di incontro e associativi che diventano punto di riferimento e di ritrovo dove i ragazzi trascorrono il tempo in maniera stimolante, in cui si propongono specifiche attività (musica, breakdance, hip hop, parkour, teatro danza, ciclofficina, laboratori di videomaking, storytelling, di fotografia, attività circense, rugby, giocoleria). Progetti Dote Comune. Prevedono azioni di sostegno educativo e percorsi formativi teorico/pratici rivolti agli adolescenti che vivono in contesti sociali, familiari e personali di maggiore svantaggio, a forte rischio di incollocabilità nel mercato del lavoro, esclusi dalla formazione scolastica.
Valuta questo sito: RISPONDI AL QUESTIONARIO