1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu fondo pagina di navigazione
Contenuto della Pagina

URBACT III – Progetto “Civic eState”

Un campetto di calcio all'intero di un palazzo storico
 
A partire da Aprile 2018, Civic eState è uno dei 25 “Transfer Networks” approvati dal Programma di Cooperazione Territoriale URBACT III 2014-2020 promosso dalla Commissione Europea.
Hanno aderito a questa rete, oltre alla Città di Napoli che ne è capofila, le città di Barcellona (Spagna), Danzica (Polonia), Ghent (Belgio), Amsterdam (Paesi Bassi), Prešov (Slovacchia) e Ia și (Romania). Tramite questo progetto la Città di Napoli si propone di trasferire a queste città, riadattandolo secondo il contesto, il modello di governance dei beni comuni nella forma degli usi civici collettivi urbani. Da anni il Comune di Napoli, infatti, lavora all’implementazione di questi modelli innovativi di governance, e per questo è stato insignito dell' URBACT Good Practice Award, premio consegnato all’URBACT City Festival di Tallinn (Estonia) il 3 ottobre 2018, a seguito della valutazione effettuata da un panel di esperti indipendenti.
 
Un'aula studio
 

Considerato l’interesse riscosso in ambito europeo, il Comune di Napoli, dunque, con nota a firma dell’Assessore al diritto alla città, ai beni comuni e all'urbanistica (prot. n. 24829 del 9 gennaio 2018), ha aderito al bando “Transfer Networks” del Programma URBACT con il progetto denominato Civic eState, finalizzato al trasferimento di questa buona pratica urbana.

Per saperne di più: https://urbact.eu/civic-estate

 

URBACT Local Group

 
Un gruppo di giovani
 

La rete Civic eState, poi, si pone l'obiettivo di superare il tradizionale approccio top-down tra municipalità e cittadinanza, portando gli abitanti al centro del processo decisionale e rafforzando la partecipazione delle istituzioni politiche nella cura dei beni comuni, individuando nuovi strumenti politici e giuridici che mirano a restituire alla comunità proprietà abbandonate o sottoutilizzate, sia pubbliche che private.

A tal proposito, il Comune di Napoli ha voluto coinvolgere gli attori locali in un processo partecipativo finalizzato alla co-progettazione di azioni integrate che mirano a consolidare l’esperienza napoletana di pratica dei beni comuni nella forma degli usi civici collettivi urbani. Si prevede che le azioni individuate, vengano realizzate nell’immediato futuro, entro Dicembre 2020.

 
Un tavolo all'interno di un cortile

All’URBACT Local Group, ambito di di riferimento del processo partecipativo, sono stati invitati a partecipare gli attivisti della rete dei Beni Comuni di Napoli, l’Osservatorio Permanente sui Beni Comuni, l’Assessorato ai Beni Comuni e all’Urbanistica ed i servizi tecnici del Comune di Napoli competenti.

Per info e contatti:

Servizio Valorizzazione della Città Storica - Area Trasformazione del Territorio
Tel: 081 79358917
ulg.urbactnapoli@gmail.com
urbactnapoli@comune.napoli.it

Assessorato ai Beni Comuni e all’Urbanistica
Tel. 081 7954125/7954157
email: assessorato.urbanistica@comune.napoli.it
assessorato.benicomuni@comune.napoli.it.

 
 

Valuta questo sito: RISPONDI AL QUESTIONARIO