1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
Comune di Napoli
  1. Previsioni Meteo
  2. Versione stampabile della pagina
  3. Mappa del sito
  4. Switch to english language
Home » Turismo e Cultura » Mostre » Workshop "Cosa dovrebbe cambiare dopo i cento secondi di Ischia"

Contenuto della pagina

Workshop "Cosa dovrebbe cambiare dopo i cento secondi di Ischia"

Lunedì 9 ottobre 2017 ore 8.30, al PAN

Lunedì 9 ottobre 2017, nella "Sala Di Stefano" del Palazzo delle Arti di Napoli, si terrà un interessante workshop sul tema "Casa Italia ed Eventi Sismici: cosa dovrebbe cambiare dopo i cento secondi di Ischia" organizzato dalla SIGEA - Società Italiana di Geologia Ambientale (riconosciuta come associazione di protezione ambientale con Decreto del MATTM del 24/05/07) - Sez. Campania/Molise in collaborazione con l'Ordine degli Ingegneri di Napoli e l'Assessorato alla Cultura e Turismo del Comune di Napoli. Si tratta di una importante iniziativa che intende avviare, in chiave multidisciplinare, una riflessione su quanto emerso dopo il terremoto che ha colpito l'isola di Ischia lo scorso 21 agosto. In particolare, si rileva che l'evento sismico che ha interessato solo i Comuni di Casamicciola, Forio e Lacco Ameno, ha prodotto delle sollecitazioni sismiche concentrate, in un'area molto ristretta e con caratteristiche singolari, come la simultaneità delle sollecitazioni impresse dalle onde Primarie (sussultorie) e dalle onde Secondarie (ondulatorie). Le stesse caratteristiche anomale che contribuirono a determinare elevate amplificazioni sismiche locali, sono state rilevate anche durante il terremoto di l'Aquila del 6 aprile 2009. Questa ulteriore conferma sulla eccezionalità delle sollecitazioni sismiche attribuibili alla quasi simultanea azione delle onde P e onde S, apre la discussione per comprendere se la normativa sismica vigente è in grado o meno di prevedere e mitigare gli effetti di eventi sismici analoghi.  Per studiare nello specifico gli effetti  delle anomalie sismiche e per garantire una corretta ricostruzione la SIGEA, ha lanciato una petizione on line per chiedere al Presidente del Consiglio dei Ministri Gentiloni di individuare, nell'ambito del Progetto "Casa Italia", i Comuni di Casamicciola, Lacco Ameno e Forio quale undicesimo "Cantiere Pilota" in aggiunta ai 10 già prescelti Comuni di: Catania, Feltre (BL), Foligno (PG), Gorizia, Isernia, Piedimonte Matese (CE), Potenza, Reggio Calabria, Sora (FR) , Sulmona (AQ).
Parteciperanno al workshop importanti personalità del mondo accademico e politico. Dopo i saluti del Vice-Sindaco Raffaele Del Giudice in rappresentanza della Città Metropolitana di Napoli e del Consigliere Regionale Mario Casillo in rappresentanza della Regione Campania è previsto l'intervento della Dott.ssa Beatrice Covassi, Capo della Rappresentanza in Italia della Commissione Europea, a testimonianza del fatto che l'Unione Europea, rimane sensibile alle problematiche derivanti dagli eventi sismici che hanno interessato nel recente passato l'Italia. Inoltre, per consentire un puntuale approfondimento delle problematiche e aprire un dibattito propositivo, si svolgerà, nella seconda parte del workshop, una Tavola Rotonda moderata dal giornalista del TG3 Gianni Occhiello a cui parteciperanno, tra gli altri, Egidio Grasso, Presidente dell'Ordine dei Geologi della Campania, Luigi Vinci, Presidente dell'Ordine degli Ingegneri della Provincia di Napoli, Sergio Bertolucci, Presidente della Commissione Grandi Rischi, Erasmo D'Angelis, Coordinatore della Struttura di Missione della P.C.M. Italia Sicura, Giuseppe Grimaldi, Commissario delegato per l'emergenza a Ischia, i rappresentanti delle associazioni di protezione ambientale Sigea e Legambiente, e i Sindaci dei Comuni di Casamicciola, Lacco Ameno e Forio.

L'evento sarà trasmesso in diretta streaming al seguente indirizzo:
https://www.youtube.com/watch?v=zNLKQ7hzxa8
 
 
 
 
 
 
 
Area riservata
  1. Digg
  2. Technorati
  3. Aggiungi ai Preferiti