1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu fondo pagina di navigazione
Contenuto della Pagina
condividi

Brutto Male di Nadia Shira Cohen

Dal 19 al 31 luglio 2017 al PAN

 L'altra Napoli - L'architettura abbandonata nell'area metropolitana di Napoli
 
 
Dal 19 luglio al 31 luglio 2017 il Palazzo delle Arti Napoli (PAN) ospiterà la mostra fotografica "Brutto Male" di Nadia Shira Cohen, curata da Giuseppe T. Sciascia e Francesco Bellizzi della società di produzione Frames Lab, e organizzata in collaborazione con l'Assessorato alla Cultura e al Turismo del Comune di Napoli.
"Brutto Male" è un progetto sviluppato tra il 2009 e il 2016 dalla fotografa statunitense Nadia Shira Cohen che presenta, attraverso trenta fotografie a colori e in bianco e nero, l'area del napoletano compresa tra Marigliano, Nola e Giugliano, chiamata "Il Triangolo della Morte". In questi comuni limitrofi di Napoli, le indagini della magistratura e dei media hanno accertato sversamenti e interramenti illeciti di rifiuti anche tossici.

Attraverso il suo punto di vista la fotografa racconta le ferite che il business illecito dei rifiuti ha arrecato - e continua ad arrecare - al territorio e alle sue comunità, portando alla luce attraverso la fotografia i danni fisici e psicologici che tutto questo ha causato e continua a causare ai cittadini.

Nadia Shira Cohen
Nata a Boston nel 1977, all'età di 15 anni scopre di essere malata di cancro e proprio in quel periodo si avvicina alla fotografia. Il suo primo progetto ha come protagonista se stessa e gli effetti della malattia sul suo corpo. Si avvicina sempre più al mondo della fotografia frequentando l'Università del Vermont e uno stage in Italia, a Firenze. Il suo approdo alla professione di foto reporter avviene a New York, come corrispondente dell'Associated Press. Dopo un periodo alla Sipa  Press, lavora alla VII Photo Agency dove ha l'opportunità di collaborare con i grandi nomi del fotogiornalismo internazionale. Arricchita da queste esperienze professionali decide di investire nell'attività di freelance, concentrandosi sulla produzione di reportage. Dal 2007 vive a Roma, da dove parte per lunghi viaggi lavoro in giro per il mondo alla ricerca di storie da raccontare.


Giuseppe T. Sciascia - Frames Lab srl
Laureato in Scienze Politiche alla Sapienza, dopo un master in giornalismo internazionale di guerra e la prima esperienza come inviato per l'Associated Press, inizia la sua carriera come ufficio stampa per le istituzioni di Camera, Senato e Regione affiancando l'opera di autore televisivo per Tv2000 la televisione della Conferenza Episcopale Italiana a quella di scrittore, pubblicando il primo romanzo Il figlio di Caino per la Sangel edizioni. Collabora con il giornale Off e con Panorama, si occupa dell'organizzazione e della mediazione dibattiti negli eventi della Rubbettino Editore. Attualmente è impegnato nella scrittura del racconto documentario per Aliberti Editore sull'esperienza
vissuta intervistando le popolazioni residenti nella cosiddetta "Terra de Fuochi" in Campania.


Francesco Bellizzi - Frames Lab srl
Giornalista pubblicista dal 2007 ha alle spalle 9 anni di inchieste ed approfondimenti per l'Attacco, quotidiano della provincia di Foggia. Collaboratore di alcune testate nazionali, è coautore de La Belleville, documentario su un ghetto africano nelle campagne pugliesi. Francesco Bellizzi vive attualmente a Milano dove si occupa di giornalismo e produzioni video, collabora con la società di produzione Frames Lab. Il libro Brutto Male è la sua opera prima.


ORARI MOSTRA
Lunedì, mercoledì, giovedì, venerdì e sabato 09.30 - 19.30
Domenica 09.30 - 14.30
Chiusa il martedì
Valuta questo sito: RISPONDI AL QUESTIONARIO