1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
Comune di Napoli
  1. Previsioni Meteo
  2. Versione stampabile della pagina
  3. Mappa del sito
  4. Switch to english language
Home » Eventi del Comune » Mostra personale di Massimiliano Della Corte al Maschio Angioino

Contenuto della pagina

Mostra personale di Massimiliano Della Corte al Maschio Angioino

Dal 22 aprile all'8 maggio una iniziativa realizzata in collaborazione con l'Assessorato alla Cultura ed al Turismo del Comune di Napoli

"Simbolismo Comunicazionale" una ricerca artistica del maestro Massimiliano Della Corte in mostra Al Castel Nuovo - Maschio Angioino nella sala Degli Angeli.


Sabato 22 aprile 2017, alle ore 15.30, si terrà l'inaugurazione della mostra personale di Massimiliano Della Corte, nato a Napoli nel 1969. Artista di grandi qualità e sensibilità, ha esposto Collective Exhibition at the "Euro Art Expo di Verona",
collettive e personali a Napoli e Milano, Salerno e in Basilicata. Ha ricevuto numerosi Premi e riconoscimenti a concorsi internazionali di pittura "Napoli nel Mondo" e "Europa a Napoli". Di lui hanno scritto autorevoli critici su noti giornali e riviste d'arte. Le sue opere colpiscono per l'attenta ricerca cromatica e figurativa, e per il sottile studio delle problematiche sociali. Della Corte ha un estremo interesse per il Simbolismo Comunicazionale, per il quale ha maturato una lunga conoscenza artistica e senz'altro l'uomo di punta dell'attuale ricerca artistica sul Simbolismo Comunicazionale in base allo studio e alle pubblicazioni dello psicologo Stefano Benemeglio.
Infatti, il colore per l'artista è parola, narrazione pittorica, ed entrambi si muovono in una sintonia perfetta, le linee s'inseguono, i colori si stratificano e cangiano in mille sfumature, la materia si sostanzia di nuove forme ed è inoltre il fondamento della sua arte.
Le opere dell'artista, tutte tecnicamente ben condotte, nella loro varietà, testimoniano una grande sensibilità interiore e un lavoro attinto dal profondo, da un'innata predisposizione psicologica, evidenziata, nei sottintesi psicologici della sua pittura.
C'è nelle sue opere, una costante analisi del mondo che lo circonda, un mondo che ha già psicoanalizzato, con rigore e senza misericordia. E' un mondo di sofferenze, un mondo da ricostruire, da ripulire.


Continua a leggere il comunicato.

 
 
 
 
 
 
 
Area riservata
  1. Digg
  2. Technorati
  3. Aggiungi ai Preferiti