1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu fondo pagina di navigazione
Contenuto della Pagina
condividi

Ambito di applicazione

La VAS viene applicata sistematicamente ai piani e programmi che possono avere impatti significativi sull'ambiente e sul patrimonio culturale:
 che sono elaborati per la valutazione e gestione della qualità dell'aria ambiente, per i settori agricolo, forestale, della pesca, energetico, industriale, dei trasporti, della gestione dei rifiuti e delle acque, delle telecomunicazioni, turistico, della pianificazione territoriale o della destinazione dei suoli, e che definiscono il quadro di riferimento per l'approvazione, l'area di localizzazione o comunque la realizzazione dei progetti elencati negli allegati II, III e IV del decreto;
 per i quali, in considerazione dei possibili impatti sulle finalità di conservazione dei siti designati come zone di protezione speciale per la conservazione degli uccelli selvatici e quelli classificati come siti di importanza comunitaria per la protezione degli habitat naturali e della flora e della fauna selvatica, si ritiene necessaria una valutazione d'incidenza ai sensi dell'articolo 5 del D.P.R. n. 357/1997 e s.m.i.
Per i piani e programmi prima descritti che determinano l'uso di piccole aree a livello locale e per le modifiche minori dei piani e programmi prima descritti, la valutazione ambientale è necessaria qualora l'autorità competente valuti che producano impatti significativi sull'ambiente, mediante l'espletamento di una verifica di assoggettabilità e tenuto conto del diverso livello di sensibilità ambientale dell'area oggetto di intervento.
La regione Campania, con proprie disposizioni, ha elencato i piani da assoggettare a VAS, a verifica di assoggettabilità e ha stabilito alcuni casi di esclusione.
Dalla giurisprudenza consolidatasi, sia in ambito europeo che nazionale, nell'applicazione della Direttiva 2001/42/CE emergono alcuni orientamenti sulla procedura che chiariscono e ristringono ulteriormente l'ambito di applicazione della VAS.
In particolare, viene chiarito non si può escludere a priori una categoria di piani non solo dalla procedura di VAS, ma anche da un preventivo screening previsto per la verifica di assoggettabilità (per i casi previsti dall'art. 6 comma 3 e 3bis D.lgs 152/2006), se tale valutazione è considerata obbligatoria dalla Direttiva VAS che, in particolare, prevede di sottoporre ad una valutazione ambientale i piani che potrebbero avere effetti significativi sull'ambiente, segnatamente per le loro caratteristiche, il loro impatto e le zone che potrebbero esserne coinvolte. Inoltre, viene definita l'importanza della valutazione degli "effetti cumulativi" dei piani (Sentenza Corte di giustizia europea del 22 settembre 2011 causa C-295/10).
 

Effetti cumulativi dei piani

Gli "effetti cumulativi" dei piani devono essere valutati anche alla luce delle nuove "Linee Guida per la verifica di assoggettabilità a Valutazione di Impatto Ambientale di progetti di competenza delle regioni e Province autonome (Allegato IV alla parte seconda del D.lgs 152/2006)", emanate con Decreto del Ministero dell'Ambiente e della Tutela del territorio e del mare del 30 marzo 2015.
In particolare, nell'intero territorio del comune di Napoli, secondo quanto previsto dai criteri definiti dalle Linee guida, si applica la riduzione del 50% delle soglie fissate per i progetti elencati nell'allegato IV alla parte seconda del D.lgs 152/2006.
Tra i criteri definiti vi è quello del "cumulo con altri progetti", che prevede che un progetto (tra quelli elencati nell'allegato IV) debba essere considerato anche in riferimento ad altri progetti relativi ad opere o interventi di nuova realizzazione localizzati nel medesimo ambito territoriale.
L'ambito territoriale è definito da:
una fascia di un chilometro per le opere lineari (500 m dall'asse del tracciato);
una fascia di un chilometro per le opere areali (a partire dal perimetro esterno dell'area occupata dal progetto proposto).
Come specificato nelle Linee guida, se nello stesso ambito territoriale ricadono più progetti elencati nell'allegato IV appartenenti alla stessa categoria progettuale, il superamento delle soglie sopraelencate non è determinato dal singolo progetto ma dalla sommatoria delle caratteristiche dei progetti ricadenti nell'ambito territoriale.
Sono esentati da tale obbligo solo i progetti precedentemente localizzati e valutati in un piano già sottoposto alla procedura di VAS e approvato, nel caso in cui nel piano sia già stata definita e valutata la localizzazione dei progetti, o i progetti per i quali la verifica di assoggettabilità a VIA è integrata nella procedura di VAS.
Come precisato nelle Linee guida, la VAS risulta essere, infatti, il contesto procedurale più adeguato a una completa e pertinente analisi e valutazione di effetti cumulativi indotti dalla realizzazione di opere e interventi su un determinato territorio.
Pertanto, è compito dei proponenti e dell'autorità procedente calcolare l'ambito territoriale di un piano o progetto e verificare la presenza di effetti cumulativi con altri piani o progetti, al fine di definire l'iter procedurale (VAS e/o VIA) più adeguato a una completa e pertinente valutazione ambientale del piano o progetto.
Valuta questo sito: RISPONDI AL QUESTIONARIO