1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
Comune di Napoli
  1. Previsioni Meteo
  2. Versione stampabile della pagina
  3. Mappa del sito
  4. Switch to english language
Home » Eventi del Comune » The Change

Contenuto della pagina

The Change

46 artisti da Cuba, Corea, Messico, Russia, Cina, Italia, Spagna, Portogallo e Polonia raccontano il "cambiamento" con più di 150 tra opere e live performance

Da giovedì 24 novembre 2016 a sabato 10 dicembre 2016 al PAN. Vernissage giovedì 24 novembre 2016, ore 19.30-23.30

The Change
In collaborazione con l'Assessorato alla Cultura e al Turismo del Comune di Napoli, dal 24 novembre al 10 dicembre 2016 al PAN Palazzo delle Arti di Napoli è in programma la collettiva THE CHANGE a cura di Antonio Palumbo.
Quarantasei artisti fra i trenta e i quarant'anni, provenienti da Cuba, Corea, Messico, Russia, Cina e diversi Paesi europei, raccontano il tema del cambiamento nelle sue diverse declinazioni, con più di 150 tra opere e live performance in gran parte create "ad hoc" per l'evento, e allestite in un unico percorso espositivo negli ambienti del primo piano del PAN.
Assieme a una sezione speciale dedicata a Cuba e all'epocale trasformazione in atto con opere di Jormay Gonzalez Monduy, Yuniel Delgado Castillo e di altri artisti dell'isola, saranno in mostra le creature fantastiche nate da scarti e rottami di Luigi Secli, la parete-documentario sull'autostrada Salerno-Reggio Calabria di Martin Errichiello e Filippo Menichetti, il progetto sull'ex Italsider di Bagnoli divenuta un "non luogo"di David De la Cruz con Pasquale Autiero e Andrea De Franciscis, e tante altre opere di diverse discipline e latitudini artistiche tra cui tele di Ulises Bernal, lavori di Giovanni Anastasia e un'installazione interattiva audiovisuale di Francesco Navach e Pierpaolo Salvi.
Fino al termine della mostra è previsto un calendario con performance di Piera Saladino, Lia Gusein Zade, Antoni Karwowski e del visual filosopher Matlakas, assieme a un workshop sulle percussioni riciclate e al laboratorio "I bambini disegnano la visione futura del compostaggio urbano".
 
 
 
 
 
 
Area riservata
  1. Digg
  2. Technorati
  3. Aggiungi ai Preferiti