1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
Comune di Napoli
  1. Previsioni Meteo
  2. Versione stampabile della pagina
  3. Mappa del sito
  4. Switch to english language
Home » Turismo e Cultura » Mostre » "Passage"

Contenuto della pagina

"Passage"

Personale di Geppy Pisanelli a cura di Paola de Ciuceis

Dal 22 gennaio (opening ore 17.30) al 28 febbraio al PAN

Venerdì 22 gennaio, ore 17.30, per la stagione artistica in corso, Fondazione Mannajuolo e Al Blu di Prussia presentano al PAN, Palazzo delle  Arti Napoli ( via dei Mille 60), "Passage" personale di Geppy Pisanelli a cura di Paola de Ciuceis; un'iniziativa realizzata in collaborazione con l'assessorato alla Cultura e al Turismo del Comune di Napoli.
Intervengono l'artista, Geppy Pisanelli, Il curatore, Paola de Ciuceis, l'assessore alla Cultura e al Turismo del Comune di Napoli, Nino Daniele.

In esposizione, nelle sale al II piano del Pan Palazzo delle Arti Napoli, oltre 40 opere dipinte - oli su lino e pastelli su carte - di Geppy Pisanelli, napoletano di Aversa, dal 2007 attivo tra Napoli e New York dove vive e lavora conciliando la sua doppia natura di ricercatore scientifico - virologo, studia i meccanismi di immuno-evasione dei virus ad RNA - e artista figurativo dedito a lavori pittorici per lo più di formato maxi nei quali, sempre in biblico tra segno e significato, indagagli abissi dell'animo umano attraverso la natura.
Fulcro della rassegna, da cui anche il titolo dell'esposizione, il ciclo "Passage": un corpus di 4 tele di grande formato, una complessa idea progettuale sul tema dell'isolamento nata già due anni fa in concomitanza con l'opera "The Lifesaver", proseguita con la mostra alla Casa Italiana Zerrilli-Marimò della New York University (giugno 2015) e ripresa con più vigore estate scorsa per questa personale nella quale presenta anche opere dal 2007 ad oggi.
A metà tra il reale e l'immaginifico propone racconti minimi dai risvolti concettuali nei quali preferendo gli oggetti ai soggetti, in un divertissement di luci e ombre, coinvolge l'osservatore suggerisce storie con uno stile che egli stesso, ricorrendo ad un ossimoro, definisce "minimalismo narrativo".

 
 
 
 
 
 
 
Area riservata
  1. Digg
  2. Technorati
  3. Aggiungi ai Preferiti