1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu fondo pagina di navigazione
Contenuto della Pagina
condividi

Omaggio a Aung San Suu Kyi. Parole forme gesti della libertà e della giustizia

ideazione di Maricla Boggio, organizzazione e regia di Fortunato Calvino.

Giovedì 5 giugno 2014 ore 18.00, Sala del Capitolo del Convento di San Domenico Maggiore

 
clicca per ingrandire

Ad Aung San Suu Kyi, birmana, prigioniera per decenni del regime militare e premio Nobel per la pace - è dedicata una lettura scenica dei testi scritti dai vari autori e da lei stessa che toccano temi come la convivenza civile, la giustizia la democrazia, partendo dall'affettività personale, dal "privato", collegando sentimenti e pensieri di un vissuto personale alla vita di un intero Paese e ai diritti di ciascun essere umano.
Il testo è composto da sei monologhi inediti, scritti da Maricla Boggio insieme a Augusto Bianchi Rizzi, Fortunato Calvino, Alberto Bassetti, Stefania Porrino, Vittorio Franceschi, che saranno letti da: Antonella Morea, Rosa Fontanella, Rita Montes, Gioia Miale, Pietro Iuliano, Antimo Casertano.

Le letture saranno introdotte da una breve presentazione dell'Assessore alla Cultura e al Turismo del Comune di Napoli Nino Daniele.
"Può una donna birmana, prigioniera nella sua casa, farsi protagonista dell'opposizione democratica nel suo paese fino a diventare un esempio positivo per tutto il mondo, per tutte le democrazie e, contemporaneamente, conservare umanità e semplicità di comportamenti? Aung San Suu Kyi c'è riuscita e, dando un contributo decisivo alla liberazione del suo popolo dalla dittatura militare, si è proposta non solo come una delle personalità più forti ed uno dei protagonisti politici più efficaci della nostra epoca, ma anche come un esempio straordinario di dignità personale e di libertà dai condizionamenti del potere. E' rischioso fare paragoni, ma accanto a lei penso ad esempi come quello del Mahatma Gandi e di Nelson Mandela e, dunque, a come ogni persona può dare il suo contributo al progresso ed alla giustizia anche senza armi e senza un grande potere economico, ma con la forza delle proprie idee e con la coerenza dei propri comportamenti.
 
Ingresso libero, fino ad esaurimento dei posti.
 
Continua a leggere il comunicato.

 

 
Valuta questo sito: RISPONDI AL QUESTIONARIO