1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu fondo pagina di navigazione
Contenuto della Pagina
condividi

La Commissione europea chiede maggiore impegno nella lotta contro il traffico di droga

immagine di persone che guardano manifesti sull'evento

L'Osservatorio europeo delle droghe e delle tossicodipendenze (OEDT) ha pubblicato il 15 novembre u.s.la sua relazione annuale 2011, da cui emerge che in Europa il consumo di droga è relativamente stabile, con alcuni segnali positivi relativi all'uso della cannabis, in continua diminuzione tra i giovani.

Tali segnali di stabilizzazione del consumo degli stupefacenti maggiormente diffusi sono tuttavia controbilanciati dall'emergere di nuove minacce, tra cui la maggiore disponibilità di droghe sintetiche, la rapida comparsa di nuove sostanze e la diffusione della "poliassunzione", ovvero l'assunzione simultanea di diversi tipi di droghe. Nel suo più recente studio sui rivenditori online di legal highs (luglio 2011), l'OEDT ha individuato 600 negozi virtuali che venderebbero prodotti psicoattivi, nonché una gran varietà di nuovi prodotti disponibili.

La relazione esprime, inoltre, nuove preoccupazioni per il potenziale propagarsi dell'HIV tra coloro che si iniettano droghe.

Per combattere in modo più efficace il traffico di droga, la Commissione intende altresì presentare nuove norme in materia di confisca e recupero dei beni. E' la criminalità organizzata che spesso  gestisce le catene di distribuzione che sostengono il traffico di stupefacenti.

 
 
Valuta questo sito: RISPONDI AL QUESTIONARIO