1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu fondo pagina di navigazione
Contenuto della Pagina
condividi

Lettera aperta ai dipendenti del Comune di Napoli dell'Assessore al Personale

Gentilissimi,

è la prima volta, dopo il doveroso saluto di insediamento, che mi rivolgo a voi tutti per iscritto.

Dopo i primi quattro mesi di lavoro ho potuto constatare, e più volte ho avuto modo di riconoscerlo pubblicamente, che nel nostro Ente vi sono straordinarie risorse professionali e umane che intendiamo sempre più valorizzare e motivare. A tal proposito stiamo per avviare un confronto con la Regione per reperire fondi sull'Asse VII del POR Campania, dedicato al rafforzamento delle competenze dei dipendenti degli enti locali in materia di programmazione, gestione e valutazione innovativa dei servizi.

E' anche per queste ragioni che intendo, attraverso questa mia lettera, rappresentarvi la mia sorpresa per le semplificazioni giornalistiche che attribuiscono al sottoscritto, al nostro Sindaco e all'intera Amministrazione la pervicace intenzione di "colpire i fannulloni". Voglio chiarire che espressioni come questa non rientrano nel nostro vocabolario e nella nostra cultura.

Certo, sin dall'inizio, ci siamo impegnati in una difficile azione di efficientamento e razionalizzazione dei servizi, con i primi, importanti, risultati: drastica riduzione del ricorso ai dirigenti esterni e proposta di accorpamento di alcune partecipate (ANM, Metronapoli, Napoli Park). In questa direzione vanno altresì inquadrati i corsi per la formazione di alimentaristi da impegnare nelle scuole, destinati a cinquanta lavoratori di Napoli Servizi, e quelli per ausiliari del traffico cittadino rivolti ai dipendenti della III Direzione Centrale. Il primo segnale chiaro verso il contenimento dei costi abbiamo comunque voluto darlo noi Amministratori, riducendo gli uffici di staff e facendo a meno delle auto blu.

Continueremo a impegnarci per migliorare i servizi e intensificare la produttività, ma intendiamo farlo con spirito sereno e costruttivo, in un rapporto di proficua concertazione con l'insieme delle organizzazioni sindacali.
Con gli stessi sindacati abbiamo preferito, nel corso delle diverse riunioni tenute di recente, esporre le questioni sul tappeto senza sottovalutare la loro gravità e delicatezza, a partire dai dolorosi tagli imposti dal Governo agli enti locali, che, per il nostro Comune, ammontano a circa 220 milioni di euro, e che ci hanno imposto la dolorosa scelta di ritoccare il fondo per il salario accessorio.

Siamo certi che le vibranti e reiterate richieste del Sindaco al Presidente del Consiglio di sbloccare lo stanziamento al nostro Ente di 500 milioni di euro, le azioni volte al recupero di svariati crediti (dai proventi delle contravvenzioni, alla riscossione dei fitti attivi) ed il rilancio del piano di dismissione del patrimonio immobiliare comunale ci consentiranno di avviare, già dal prossimo bilancio di previsione, il superamento dell'attuale fase di sofferenza finanziaria, nell'interesse di voi tutti e dell'intera comunità.

Tutto ciò ci consentirà una decisa accelerazione sul proficuo percorso, già intrapreso, con le associazioni imprenditoriali e le rappresentanze dei lavoratori, di crescita e di sviluppo economico della nostra città.
L'arduo ed impegnativo lavoro per restituire a Napoli il ruolo di grande capitale europea e del Mediterraneo è appena iniziato, e continuerà, grazie all'impegno delle energie e delle risorse migliori presenti sul nostro territorio.

Sono certo che, come sempre, non farete mancare il vostro contributo di intelligenza, esperienza e professionalità.

Vi ringrazio ancora e vi saluto con viva cordialità.

L'Assessore al Personale
Bernardino Tuccillo

Valuta questo sito: RISPONDI AL QUESTIONARIO