1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu fondo pagina di navigazione
Contenuto della Pagina
condividi

Laboratorio di giardinaggio a favore dei detenuti del Carcere di Secondigliano

30 maggio, ore 10, in Villa Comunale, presentazione dell'iniziativa nel corso della quale saranno offerte in beneficenza a favore di Telefono Azzurro le piantine fiorite di tagete, petunia, begonia e basilico prodotte.

 
una serie di farfalle create con delle fantasie floreali

Il progetto nasce dalla sinergia fra l'Amministrazione Comunale, attivamente impegnata e sensibile verso le problematiche sociali, e la Direzione del Centro Penitenziario di Secondigliano nell'ambito dei programmi di recupero dei coscritti.
 
L'iniziativa ha avuto come scopo finale la produzione di piante ornamentali nelle serre, finora inutilizzate, presenti nel carcere ed ha coinvolto dieci detenuti opportunamente istruiti e diretti dal personale comunale del Servizio Gestione Grandi Parchi Urbani. Ad una prima fase teorica di 6 lezioni, attraverso la quale sono state fornite le necessarie cognizioni di botanica e tecniche di giardinaggio, é seguita una fase pratica di coltivazione di piante fiorite stagionali ed arbusti della flora mediterranea. 
 
Le produzioni ottenute saranno impiegate per arricchire le aiuole del carcere e quelle di alcuni parchi pubblici. Nel corso della mattinata del 30 maggio 2010, a partire dalle ore 10.00, in Villa Comunale si svolgerà una manifestazione pubblica di divulgazione dell'iniziativa nel corso della quale saranno offerte in beneficenza a favore di Telefono Azzurro le piantine fiorite di tagete, petunia, begonia e basilico prodotte.

 
 

Il progetto del laboratorio di giardinaggio per i detenuti nasce dalla sinergia fra l'Amministrazione Comunale e la Direzione del Centro Penitenziario di Secondigliano nell'ambito dei loro programmi di recupero. L'iniziativa ha come scopo finale la produzione di piante ornamentali nelle serre del carcere, attualmente inutilizzate, e coinvolge dieci detenuti che, istruiti e diretti dal personale comunale del Servizio Gestione Grandi Parchi Urbani dell'Assessorato allAmbiente, procederanno alla coltivazione di piante fiorite stagionali ed arbusti della flora mediterranea. Le produzioni ottenute saranno impiegate per arricchire le aiuole del carcere e quelle di giardini e parchi pubblici. Parte delle piante fiorite prodotte saranno offerte nel corso di una manifestazione pubblica di divulgazione dell'iniziativa che sarà organizzata in Villa Comunale. ll programma del laboratorio di giardinaggio curato dal Servizio Gestione Grandi Parchi Urbani, si articola in due fasi. Un primo breve ciclo teorico di lezioni che forniranno ai detenuti, anche utilizzando materiale vegetale, le necessarie cognizioni di botanica e delle principali tecniche di giardinaggio. Una volta acquisite le nozioni di base si passerà quindi alla parte pratica: con l'ausilio del personale giardiniere e la supervisione di un tecnico, i detenuti prepareranno le strutture che dovranno ospitare le produzioni: una serra coperta ed una scoperta. A conclusione di queste operazioni si darà inizio al processo di produzione vero e proprio delle piante. Quando avranno raggiunto la giusta fase di sviluppo, le piantine saranno trapiantate nei vasi di coltivazione e successivamente trasferite negli spazi di allevamento nella struttura scoperta. La produzione programmata è di circa 5000 piante da fiore stagionali in vaso e 500 arbusti della flora mediterranea. Alla presentazione dell'iniziativa sono intervenuti la presidente del Tribunale di Sorveglianza Angelica Di Giovanni, il Provveditore Regionale dell'Amministrazione penitenziaria, Tommaso Contestabile, il direttore dell'stituto, Liberato Guerriero con la vicedirettrice Giulia Leone, il Presidente della Commissione Ambiente dell'Ordine degli Avvocati Giovanni Siniscalchi ed il Garante dei diritti dei detenuti Adriana Tocco.

 
Telefono Azzurro, già attivamente impegnato presso il carcere di Secondigliano con un progetto per i figli dei detenuti, sarà presente in Villa con un suo stand ove sarà possibile acquisire le piantine con un offerta. Vi sarà anche uno stand del Comune di Napoli che allestirà un piccolo laboratorio di giardinaggio per il pubblico, gratuitamente i tecnici e giardinieri comunali insegneranno a trapiantare piantine fiorite e aromatiche.
 
Valuta questo sito: RISPONDI AL QUESTIONARIO