1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu fondo pagina di navigazione
Contenuto della Pagina
condividi

Il giorno della Memoria

candele accese
 

Il 27 gennaio 2010, per non dimenticare

 

Il 27 gennaio 2010 si celebra in tutta Italia il Giorno della memoria, istituito con la legge 211 del 20 luglio 2000 "al fine di ricordare la Shoah (sterminio del popolo ebraico), le leggi razziali, la persecuzione italiana dei cittadini ebrei, gli italiani che hanno subìto la deportazione, la prigionia, la morte, nonché coloro che, anche in campi e schieramenti diversi, si sono opposti al progetto di sterminio, ed a rischio della propria vita hanno salvato altre vite e protetto i perseguitati."

Il 27 gennaio 1945 quando le truppe sovietiche dell'Armata Rossa, nel corso dell'offensiva in direzione di Berlino, arrivarono presso la città polacca di Oswiecim (nota con il nome tedesco di Auschwitz), scoprirono il suo tristemente famoso campo di concentramento, liberandone i pochi superstiti. La scoperta di Auschwitz e le testimonianze dei sopravvissuti rivelarono compiutamente per la prima volta al mondo l'orrore del genocidio nazista.

 
 
 

Mercoledì 27 gennaio 2010 alle ore 12 nella Sala della Giunta a  Palazzo San Giacomo, in occasione delle celebrazioni del "Giorno della  Memoria 2010", sarà proiettato il documentario realizzato a cura del  Comune di Napoli e dell'Associazione 27 gennaio dal titolo "Dal  cancello secondario" - storie di ebrei a Napoli. Seguiranno alcune  testimonianze degli intervistati.

Interverranno:
- Rosa Iervolino Russo: Sindaco di Napoli
- Diego Guida: Assessore alla Memoria del Comune di Napoli
- Gioia Rispoli: Assessore alla Pubblica Istruzione del Comune di Napoli
- Pier Luigi Campagnano: Presidente della Comunità ebraica di Napoli
- Pier Paolo Punturello: Ministro di culto Comunità ebraica di Napoli
- Gabriella Gribaudi: Docente di Storia Contemporanea, Università degli Studi di Napoli "Federico II"
- Carlo Cremona: Rappresentante tavolo L.G.B.T. Comune di Napoli

Valuta questo sito: RISPONDI AL QUESTIONARIO