1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu fondo pagina di navigazione
Contenuto della Pagina
condividi

Basilica di San Severo

la basilica di san severo

Questo santo vescovo... sul principio del V [secolo] costruì sotto la roccia di questa collina il suo sepolcro... e la sua tomba divenne fonte di prodigi e la cripta tosto fu mutata in chiesa, e i Napolitani per desiderio di seppellirsi presso il loro pastore formarono quivi un altro cimitero, che si disse la catacomba di S. Severo.
 
Ma quando il corpo del santo prima del secolo IX fu solennemente trasportato in città nella chiesa di San Giorgio, scemò il culto all'antica cripta estramurana, e la catacomba restò ad uso di cimitero con l'adiacente edicola cavata nel monte, finchè nel 1573 l'arcivescovo Mario Carafa la cedette ai Conventuali, che vi fabbricarono dappresso il monastero, e nel 1681 rifecero la chiesa con disegno di Dionisio Lazzaro. Sul maggiore altare è un quadro di molto pregio di ignoto autore [oggi attribuito a Teodoro D'Errico] che studiossi d'imitare lo Zingaro,rappresenta la Vergine co' Ss. Severo, Ludovico, Antonio e Francesco d'Assisi. Nelle cappelle sono quadri di qualche merito.

 
 
la basilica di san severola basilica di san severola basilica di san severo
 
Richiamano però la nostra attenzione molte vestigia dell' antica catacomba ...Non resta che la parte superiore, ne erano imbiancate tutte le pareti, ne staccammo l'imbiancatura, e nell'arcosolio principale apparve l'imagine di un giovanetto di prima età vestito d'amplissima penula rossa, la quale sollevata sotto il braccio e la mano sinistra fa seni e pieghe di nobile vista. Egli regge colla sinistra un libro aperto, sul capo gli scende dal cielo la corona d'alloro della gloria immortale; 4 santi cinti il capo di nimbo luminoso, vestiti di tunica e pallio corteggiano il novello candidato del Paradiso.
 
Le pitture dell'arcosolio sinistro sono affatto perdute, meno nello spigolo a dritta vedesi l'immagine crocifera di un SANCTUS PROTASIU(S); manca a dritta certamente il S. Gervasio. Nell'arcosolio destro vedesi la croce gemmata fiancheggiata da due santi col nimbo,e nello spigolo a sinistra l'imagine di un (SAN)CTUS EUTYCHE(TES), manca certamente a destra il Santo Acuzio. Pregevole poi l'oratorio di S. Antonio, che ebbe origine nel 1621 e conserva opere di Michele Ragolia, Luca Giordano, Andrea Vaccaro, Giacinto Diano, Giovan Battista Spinelli e Bernardo Cavallino. Sul coretto si ammira un organo in legno dorato e policromato, che reca la firma di Carlo Mancini e la data 1760.
 
Valuta questo sito: RISPONDI AL QUESTIONARIO